Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Il 2016 sarà l'anno del brodetto: si lavora alla denominazione comunale

L'Ordine Cultori della Cucina di Mare lancia la proposta di una Denominazione Comunale per il Brodetto all'Anconetana. Per il prossimo anno nuovi eventi lungo Viale della Vittoria

Il 2016 sarà l'anno del Brodetto all'Anconetana. Lo ha deciso il direttivo dell'Ordine Cultori della Cucina di Mare che si è riunito nei giorni scorsi per fare il bilancio di fine anno e per tracciare il programma delle iniziative future. Brodetto all'Anconetana che i soci dell'Ordine vogliono far elevare a De.Co., al pari dello Stoccafisso. Perché non si può sottovalutare nell'ambito della cucina dorica, questa ricetta di pesce che va a costituire una vera e propria diarchia culinaria sulle tavole degli anconetani. 

Anzitutto va sfatato il mito delle 13 specie ittiche. La scelta degli ingredienti deve premiare il mare Adriatico e soprattutto la stagionalità. Dopotutto il Brodetto nasce dalle imbarcazioni quando il pesce rovinato dalle reti, non potendo essere venduto, veniva messo in pentola per sfamare i marinai. L'Ordine ha già provveduto a stilare un disciplinare. Ricetta frutto del lavoro di ricerca del maestro sommelier Gualberto Compagnucci, cucinata per l'occasione dalla brigata di cucina del ristorante Il Giardino, guidata dallo chef Vincenzo Caccavale.

Sarà un anno, dunque, ricco di iniziative dedicate al Brodetto ma non mancheranno gli eventi. Dopo i bilanci positivi dell'anno 2015 sia per la grande partecipazione di pubblico, sia per l'elevata qualità dei cibi e la perfetta organizzazione per il prossimo anno sono previste manifestazioni ad aprile, giugno e settembre. La società caricata dall'Ordine Cultori della Cucina di Mare, dall'Accademia dello Stoccafisso all'Anconitana, da Coldiretti Marche e Confartigianato Imprese di Ancona ha provveduto nello scorso mese di luglio al protocollo dei tre eventi che si svolgeranno come di consueto al Viale della Vittoria. 

Il prossimo appuntamento, invece, è previsto per l'11 novembre con il convegno nazionale, organizzato da Coldiretti Marche, sull'olio extravergine di oliva. Incontro che si terrà all'hotel La Fonte di Portonovo e cui seguirà la cena di gala dell'Ordine con la premiazione del San Nicolò, il verdicchio della Cantina Brunori vincitore dell'ultima Selezione Vini in abbinamento con lo Stoccafisso all'Anconetana. Serata aperta anche ai non soci: su prenotazione potranno partecipare tutti coloro che lo desiderano, fino a un massimo di 200 commensali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 2016 sarà l'anno del brodetto: si lavora alla denominazione comunale

AnconaToday è in caricamento