Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca Porto

Porto: diciannove clandestini "in gabbia" tra bancali di pietre

Diciannove persone, cittadini Iracheni e Siriani rinchiusi in condizioni disumane all'interno di un Tir in una gabbia metallica ricoperta da lastre di pietra. Tre di loro hanno richiesto asilo politico

Diciannove persone, cittadini Iracheni e Siriani, rinchiuse in condizioni disumane all’interno di un Tir, in un improvvisato “tunnel” ricavato tra bancali di pietre: questa la scoperta fatta dai funzionari di Dogana e Finanza, al porto di Ancona.
Tutto è cominciato con il controllo da parte di Funzionari della Dogana Marittima e del personale della Guardia di Finanza, presso il Varco doganale Da Chio, di un autoarticolato con targa bulgara e condotto da un cittadino ellenico, appena sbarcato dalla Grecia.
A richiesta del personale il conducente ha esibito una documentazione commerciale relativa al trasporto di 21 bancali di pietre per un peso complessivo di 21 tonnellate, destinate ad una società piemontese.  

Durante l’ispezione gli operatori hanno notato la presenza di vapore acqueo all’interno del rimorchio e un odore pungente, per cui hanno presupposto la presenza di persone nascoste tra il carico.
Clandestini Porto Ancona 31 gennaio 2013 (1)-2Un controllo più accurato ha permesso di scoprire un “tunnel” ricavato all’interno dei bancali di pietra, che ha permesso di individuare, in una gabbia metallica ricoperta da lastre di pietra, 19 persone, tredici di origine siriana e sei provenienti dall’Iraq, sprovviste della documentazione necessaria per entrare nel territorio dello Stato. L’accesso al vano era consentito da una botola ricavata nel lato anteriore del carico (il lato motrice).
Per motivi di sicurezza l’autoarticolato è stato scortato all’interno della motonave, dove i clandestini sono stati affidati al comandante della nave.
Quelle 19 persone sono state trasportate in condizioni disumane e con poco spazio a disposizione, ma per fortuna sono state rinvenute tutte in buone condizioni di salute.

La Polizia di Frontiera di Ancona ha dato avvio  all’esecuzione della procedura della riammissione attiva mediante affidamento dei cittadini extracomunitari irregolari al Comandante, ad eccezione di tre persone, che hanno fatto richiesta di asilo politico. Il magistrato di turno della locale Procura ha disposto l’arresto del conducente dell’automezzo in considerazione della flagranza del reato di favoreggiamento all’ingresso di clandestini nel territorio dello Stato, nonché il sequestro del camion unitamente al carico di copertura.

Dall’inizio del 2013, sono già 44 i soggetti irregolari intercettati dai Finanzieri del Comando Provinciale di Ancona e dall’Agenzia delle Dogane.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto: diciannove clandestini "in gabbia" tra bancali di pietre

AnconaToday è in caricamento