Lunedì, 27 Settembre 2021
Sicurezza

Salsedine sulle finestre, come pulire i vetri senza danneggiarli

Siete già rientrati nella casa delle vacanze? Se è al mare, è possibile avere a che fare con la sabbia e salsedine che si sono depositate sui vetri nel corso dell'inverno

Siete già rientrati nella casa delle vacanze? Se è al mare, è possibile avere a che fare con la sabbia e salsedine che si sono depositate sui vetri nel corso dell'inverno. Per risolvere basta poco.

Infissi

Gli infissi sono i più esposti, quindi su di essi si accumula sabbia e salsedine. Per eliminare lo sporco, la prima cosa da fare è rimuovere la polvere in eccesso con l’aiuto di un panno in microfibra o di uno spolverino. Fatto questo, si può procedere alla pulizia vera e propria, ma la scelta del detergente dipende molto dal materiale dell’infisso:

Pvc: resistente agli agenti atmosferici è semplice da pulire. Basta diluire alcune gocce di detersivo per piatti all’interno di un secchio d’acqua tiepida. Può succedere che a causa del sole e della salsedine, gli infissi diventino gialli: per farli tornare come nuovi, potete preparare un composto con un litro d’acqua, 3 cucchiai di acqua ossigenata a 40 vol, 2 cucchiai di bicarbonato e mezzo cucchiaino di detersivo per i piatti. Una volta applicato su tutta la struttura, bisogna lasciarlo agire per 30 minuti. Trascorso il tempo non resta che risciacquarlo con abbondante acqua e asciugarlo;

Alluminio: questo materiale, come il Pvc è facile da pulire, non serve altro che acqua calda e sapone di Marsiglia. Oltre al telaio bisogna occuparsi anche della serratura perché le incrostazioni di salsedine potrebbero rovinarla con il rischio che non si chiudano più bene;

Legno: il materiale anche se resistente ha bisogno di più attenzioni. Per eliminare lo sporco bisogna utilizzare un panno in microfibra umido su cui versare alcune gocce di sapone di Marsiglia. Una volta pulito, si può controllare lo stato della vernice e se è rovinata si deve trattare con prodotti specifici.

Come pulire 

Una volta eliminato lo sporco dagli infissi è il turno dei vetri! Il momento della giornata adatto per pulirli è la mattina presto o al tramonto perché per evitare la formazione di aloni, non devono essere esposti al sole diretto. Il calore dei raggi, fa si che il prodotto si asciughi velocemente lasciando segni opachi.Anche in questo caso, la prima cosa da fare è togliere la polvere in eccesso, successivamente si possono lavare i vetri con prodotti naturali.

Una soluzione molto efficace è quella di diluire mezzo cucchiaio di detersivo per i piatti o sapone per il corpo all’interno di un secchio d’acqua calda. In pochi minuti e sciacquando accuratamente con abbondante acqua, ogni traccia di unto verrà eliminata.

In alternativa, potete creare un composto formato da un bicchiere di aceto bianco diluito in mezzo litro di acqua calda. Spruzzato sui vetri, eliminerà anche lo sporco più resistente.

Tra i metodi per avere vetri puliti e senza aloni, c’è anche la patata cruda! Tagliata a metà deve essere passata sulla superficie così da assorbire lo sporco, dopodiché non resta che sciacquare con abbondante acqua calda e asciugare con uno straccio in microfibra.

Prodotti online

Panno in microfibra

Bicarbonato di Sodio

Aceto bianco di alcol

Sapone di Marsiglia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salsedine sulle finestre, come pulire i vetri senza danneggiarli

AnconaToday è in caricamento