Il palazzo perde pezzi, bonus per ristrutturare le facciate: rimborsi del 90%

Per sistemare le facciate dei palazzi ci sono dei bonus fiscali che consentono di recuperare quasi tutta la spesa. Come ottenerli e a chi rivolgersi ad Ancona

Foto di repertorio

La facciata di un palazzo è come il volto di una persona. Fa capire se lo stabie dove viviamo sta bene o no. L’intonaco che si stacca però non è solo una questione di immagine. Lo sanno bene i vigili del fuoco di Ancona che spesso si trovano a intervenire per mettere in sicurezza porzioni di marciapiede colpiti da pezzi di davanzali e balconi. La questione riguarda i palazzi più antichi, ma il restyling può essere utile anche agli edifici meno vecchi. Lavori costosi? Spesso è così, ma esistono delle agevolazioni fiscali per sistemare e mettere in sicurezza la facciata di un palazzo. Su queste misure si sono già espressi anche gli architetti anconetani.

Cos’è il bonus facciate e come avviene il rimborso

Il bonus facciate è una detrazione del 90% che può essere applicata alle spese documentate sostenute nel 2020 per il recupero ed il restauro delle facciate degli edifici.
Significa che si può portare in detrazione, il rifacimento dell’intonaco ma anche un semplice lavoro di tinteggiatura. Questa norma supera anche la detrazione dell’85% applicata ai lavori combinati di riqualificazione energetica ed antisismica (che permette di arrivare fino a due classi in meno di rischio) e si applica ad ogni tipo di immobile.
Con il bonus facciata è possibile procedere alla restaurazione dell’esterno non solo di palazzi condominiali, formati da almeno due unità abitative diverse, ma anche di case singole come ville o villette con una sola unità abitativa. Come per gli altri bonus, anche in questo caso il rimborso avviene nel corso di 10 anni con una rata fissa annuale. La differenza rispetto agli altri incentivi è che per il rifacimento della facciata non c’è un tetto massimo di spesa. Mentre per gli interventi di restaurazione non si possono superare i 96.000 euro (nel caso dei condomini va considerata la spesa sostenuta per la singola unità), il bonus non ha alcun limite. In questo modo si possono mettere in sicurezza gli edifici e riqualificarli investendo di più, ma con rimborsi più alti.

Quando si applica il bonus fiscale

La grande novità del disegno di legge di Bilancio 2020, presentato nella bozza del 30 ottobre, è che lo sconto si applica anche alla manutenzione ordinaria. I lavori interessano tutti quegli interventi finalizzati al recupero della facciata degli edifici, come l’intonacatura, la verniciatura, il rifacimento di ringhiere, decorazioni, marmi di facciata, balconi. A questi si vanno ad aggiungere impianti d’illuminazione, pluviali, cavi che portano il segnale televisivo. Sarà possibile dare un nuovo volto al palazzo o alla villetta tinteggiando, ma anche rinnovando i prospetti. Tra questi non bisogna dimenticare la sostituzione dei pavimenti dei balconi, di balaustre e fregi, ma anche i canali di grondaie e tutti i sistemi di smaltimento delle acque piovane. Per migliorare la sicurezza, nel bonus sono inclusi anche i lavori per mettere sotto traccia i cavi elettrici esterni.
Inoltre, è possibile far rientrare nel bonus facciata, anche l’ammodernamento o la realizzazione di lavori per il risparmio energetico, ottenendo la detrazione del 90% anziché quella precedente che aveva come tetto massimo il 65/75% di rimborso.

Gli altri bonus

La detrazione delle facciate non è l’unica agevolazione a cui attingere se abbiamo deciso di rinnovare e dare un nuovo look alla casa. Vediamo gli altri incentivi.
La prima detrazione da prendere in considerazione è quella del bonus mobili. Per chi ha deciso di rendere la casa sempre più ecosostenibile, con un occhio al portafoglio, è possibile usufruire di una detrazione pari al 50% per le spese documentate, per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici appartenenti alla classe A+.
Se abbiamo deciso di dare un nuovo look al bagno, rendere più funzionale la camera da letto o il soggiorno, allora possiamo dare il via ai lavori perchè nel disegno di legge verrà riconfermato il bonus ristrutturazione edilizia pari al 50% che può essere associato all'ecobonus. Per i lavori di riqualificazione energetica, che comprendono l'installazione di pannelli solari, caldaie e la rimozione di tetti in amianto, si può usufruire di una detrazione che va dal 65% al 50% in base alla tipologia di lavoro e al grado di efficientamento energetico raggiunto. Oltre a questi ci sono altre detrazioni volte alla sicurezza degli edifici, come il sismabonus che può essere usato per aumentare la sicurezza delle case nelle zone a rischio terremoto e può arrivare fino all'85% e l’ecobonus condominiale, in vigore fino al 2021 che contempla un rimborso fino al 70/75%, a seconda dei casi.

Assistenza fiscale ad Ancona 

Alcuni indirizzi utili: 

CGIL,  Via I Maggio 142, Tel. 071 285741

CISL, Via Giuseppe Ragnini 4 – Tel. 071 28221

UIL SERVIZI MARCHE, via XXV Aprile 37/A – Tel. 071 227531

Caf ACLI, via Montebello 69 – Tel. 071 207 2482

Caf CNDL, via Luigi Ruggeri 3 – Tel. 071 291 6213

50 & Più, piazza della Repubblica 1 – Tel. 071 207 5009

Confederazione Italiana Agricoltori, via Scrima 14 – Tel. 071 280 0394

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acquisto casa, giù i mutui ad Ancona: tutti i dati di provincia e regione

  • Rustici e casali, guida all'acquisto: cosa osservare prima di comprare

  • Anche il balcone si veste a festa, le migliori decorazioni natalizie per l'esterno casa

  • Albero e luci, occhio alla sicurezza: i pericoli degli addobbi natalizi e come evitarli

Torna su
AnconaToday è in caricamento