Lunedì, 27 Settembre 2021
Amici animali

Opinioni

Amici animali

A cura di amicianimali.org

Vademecum per adottare un animale in un canile

Quello di cui forse non abbiamo mai parlato é cosa ci si deve aspettare, cosa chiedere, cosa ottenere, come comportarsi quando si entra in una di queste strutture

La nostra associazione si prodiga da anni affinché le persone adottino un cane o un gatto in un canile o in un gattile, anziché comprarli in un allevamento.

Le motivazioni sono molteplici, prima fra tutte perché un animale é un essere senziente, non é una cosa, per cui non si può comprare.
Perché i canili e i gattili sono pieni di animali abbandonati, adottabilissimi, per cui vale la pena visitarli e scegliere lì l'amico per la vita.
Perché gli animali che vengono abbandonati e vengono rinchiusi in queste strutture, vengono mantenuti con soldi pubblici, delle tasse di tutti noi.

Quello di cui forse non abbiamo mai parlato é cosa ci si deve aspettare, cosa chiedere, cosa ottenere, come comportarsi quando si entra in una di queste strutture.

PARLIAMO DI CANILI. Ce ne sono di tre tipi:  canili privati gestiti da una Ditta commerciale, canili privati gestiti da una Associazione Onlus, canili Comunali gestiti o da associazioni o da società compartecipate del comune.
Per tutti e tre questi tipi di canili ci deve essere per legge un orario di apertura al pubblico, in cui le persone possono entrare e visitare la struttura. Chi lo gestisce é obbligato a far entrare la gente e dare tutte le informazioni necessarie sui cani, sul loro carattere, eventuali patologie, stato di salute sia passato che presente, comportamento. Per chi lo richiede é possibile farsi prendere un cane dal box e farselo portare in appositi spazi recintati all'interno del canile chiamati sgambatoi, per vedere il cane da vicino, accarezzarlo, interagire un po' con lui, portarlo al guinzaglio.
BirbaAll'adottante verranno fatte tutta una serie di domande per sincerarsi che l'animale verrà tenuto bene, secondo la normativa vigente.
Una volta scelto il cane occorre avere un documento di riconoscimento , il codice fiscale, essere maggiorenne, e il cane può essere portato a casa.

Nei canili dove operano i volontari a volte vengono effettuati controlli pre adozione, magari per quei cani con problemi di comportamento o per sincerarsi, nel caso l’adottante possieda una giardino, che la recinzione sia idonea per evitare possibili fughe. Inoltre, successivamente, vengono effettuati controlli post adozione, per vedere se tutto va bene ed eventualmente dare dei consigli per risolvere i primi problemi relativi ai bisogni, o al cibo, o all'andare al guinzaglio. In alcuni canili é possibile un'adozione temporanea che poi diventerà, dopo pochi giorni, definitiva, se tutto va bene, altrimenti il cane potrà essere riportato in canile.

Purtroppo nelle Marche ancora ci sono molti canili gestiti da privati che non sono altro che  Ditte commerciali, che per fini economici, spesso, disincentivano le adozioni, perché più cani hanno nella loro struttura, più soldi introitano.
Oppure per aggirare l'ostacolo si camuffano da Onlus, ma non sono delle vere Onlus, e si comportano esattamente come una ditta Commerciale, dove il guadagno é la priorità a discapito del benessere degli animali e delle adozioni.
In questi canili il numero delle adozioni é molto basso, entrare e scegliere un cane é molto difficile, perché spesso gli orari di apertura al pubblico non vengono rispettati, o perché non c'è personale adeguato per dare le giuste informazioni sugli animali presenti nella struttura.
Si arriva persino (fortunatamente in pochi casi) ad inventarsi scuse tipo infestazioni di parassiti, o che i cani sono tutti malati o tutti vecchi o tutti aggressivi,  o fantomatiche leggi che impedirebbero adozioni di cani fuori provincia, pur di scoraggiare le persone ed indurle ad andarsene in un altro canile per poter adottare un cane.
Perché in queste strutture il comune denominatore é il denaro, e più cani rimangono dentro il canile  , più soldi si guadagnano.

Noi cerchiamo di spingere al massimo le adozioni in questi canili, dove ci sono cani adottabilissimi, ma che per questo motivo economico , sono costretti a vivere una vita in un piccolo box  senza la speranza di un'adozione.

carmela-2Per cui il consiglio che ci sentiamo di dare a tutti quelli che vogliono adottare un cane in un canile, qualunque esso sia,  é quello di essere determinati, di far valere i vostri diritti, di non farsi convincere ad andare altrove, a non credere alle scuse fatte ad Hoc per scoraggiarvi e per farvi andare via senza cane.

Se poi i problemi dovessero essere seri é nel vostro diritto chiamare i Vigili Urbani o contattare un'associazione di protezione animale come la nostra, per poterci raccontare la vostra esperienza e trovare il modo di risolvere il problema.

NON COMPRATE GLI ANIMALI, ADOTTATELI (Per informazioni 335 80 48 623)

Ass- Amici Animali Onlus

NB: le foto dei cani nell'articolo si riferiscono ad animali adottabili, per info chiamare l'associazione

Si parla di

Vademecum per adottare un animale in un canile

AnconaToday è in caricamento