rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Salute

Stagione estiva alle porte, allarme legionella: come evitare il rischio negli alberghi

Un seminario in programma per il 23 marzo a Senigallia è dedicato a imprenditori del turismo e impiantisti sul tema

ANCONA - L’ingresso della primavera apre di fatto la stagione turistica per le Marche. Molte strutture ricettive si stanno preparando ad ospitare i primi clienti già per il ponte pasquale, rimettendo in moto la macchina dell’accoglienza. Per questo la Cna avverte sul rischio legionella che le strutture ricettive potrebbero trovarsi ad affrontare. Per informare su cosa fare per evitare il problema è stato organizzato un seminario a tema che ci sarà il 23 marzo alla sede Cna di Senigallia. 
«Oltre alle consuete operazioni di riavvio delle strutture – spiega la Cna in una nota - è quanto mai importante mettere in campo tutte le attività di ripristino e prevenzione per la sicurezza degli ospiti che sceglieranno le nostre spiagge e le nostre colline per le loro vacanze. In primo luogo conoscere e prevenire rischi di legionella. Il batterio legionella rappresenta infatti un serio rischio per la salute umana e la legge stabilisce precisi obblighi in fatto di prevenzione. La normativa sulla legionella riguarda, in particolare, le strutture turistico-ricettive, gli impianti termali e le strutture sanitarie, comprese le case di riposo, le strutture civili e industriali dove è più alta la probabilità di trasmissione». Per offrire una vacanza in sicurezza a tutti gli ospiti l'associazione di categoria spiega che la direttiva UE 2020/2184, in vigore dal 12 gennaio del 2021, ha aggiornato la normativa concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano, revisionando l’elenco dei valori di parametro di qualità e introducendo sistemi di omologazione dei materiali a contatto con le acque.

Nello specifico ha introdotto, per la prima volta, un parametro di valutazione del rischio legionella nell’acqua dei sistemi di distribuzione domestici. Il superamento di tale valore (< 1000 UFC/l, unità formanti colonie per litro) implica la necessità di attuare misure di controllo nei confronti di questo batterio. Il 23 marzo se ne parlerà a Senigallia, in via Abbagnano, al seminario. Durante l’incontro, gratuito e a posti limitati, si parlerà di come valutare il rischio legionella, aspetti legali e le normative che interessano le strutture e le aziende per una corretta prevenzione e di tecnologie efficaci per la bonifica. A parlarne saranno: Stefano Goldoni, presidenza Cna Impianti Ancona, Andrea Filonzi, Igiene e Sanità pubblica Asur Marche, Maria Chiara Marzoli, esperta Gestione Legionella (EGL) Gel spa e Marco Morbidoni, Cna Tecnoquality.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stagione estiva alle porte, allarme legionella: come evitare il rischio negli alberghi

AnconaToday è in caricamento