Insonnia chiama depressione, la psicologa spiega l'ipnotipo: «Ecco quanto bisogna dormire»

La psicologa Marta Brunetti mette in guardia dai rischi dell'insonnia, che può aumentare sensibilmente il rischio di ansia e depressione

Foto di repertorio

I sintomi ansioso-depressivi sono spesso associati a disturbo del sonno, in particolare all'insonnia. La domanda più frequente che viene posta agli psicologi è quale dei due disturbi sia la causa dell'altro. Le ricerche scientifiche ad oggi concordano che ansia, depressione e insonnia si favoriscono tra loro, una persona che soffre di insonnia ha un rischio 3 o 4 volte maggiore di sviluppare un quadro depressivo e ansioso. Nello stesso tempo chi è depresso e ansioso è molto probabile che abbia problemi di sonno.

Le cause

«E' bene ricordare che la causa dell'insonnia è multifattoriale- spiega la psicologa e psicoterapeuta Marta Brunetti- può dipendere da fattori predispondenti (familiarità, stile cognitivo ipervigile) condizioni mediche specifiche (neurologiche, respiratorie, endocrinologiche), da situazioni transitorie particolari (gravidanza, menopausa), da cause psicologiche (disturbi d’ansia e dell’umore, eventi traumatici). Per questo motivo è essenziale un’accurata valutazione diagnostica per scegliere la terapia  medica e/o psicologica più adeguata».

Prevenire l'insonnia

Ma è possibile prevenire l'insonnia? «A tal proposito appare importante conoscere alcuni concetti di base sull'igiene del sonno, che riducono i fattori di rischio ambientali e la cronicizzazione del disturbo- prosegue la Brunetti- si considera transitoria una forma di insonnia che ha una durata di circa una settimana o 10 giorni. Quando invece il problema inizia a persistere probabilmente si è instaurato un disturbo d'insonnia. Sulle condizioni lavorative diversi studi(British Medical Journal), hanno mostrato che i turnisti hanno un rischio aumentato di disturbo del sonno, in particolare i turni notturni generano nel tempo un debito di sonno e uno sfasamento dei ritmi circadiani. L'orario in cui si va a dormire e ci si sveglia deve essere mantenuto abbastanza costante». Attenzione anche al luogo, un ambiente silenzioso, buio e ad una temperatura non troppo alta concilia il sonno. «Evitare nelle ore serali l'esposizione alla luce blu dei cellulare e tablet, che riducono la secrezione di melatonina, l'ormone che ci induce a dormire, Ridurre l'assunzione di alcolici e bevande eccitanti, così come il fumo di sigaretta, che non favorisce un sonno continuo e ristoratore». L'attività fisica costante permette di allentare tensioni e rigenerare il corpo e la mente, se fatta però nelle ore serali può disturbare molto l'addormentamento. Il controllo del peso e il pasto serale con introduzione di carboidrati semplici sono fattori che condizionano positivamente l'andamento della notte. Il sovrappeso e l'obesità si associano a disturbi respiratori durante il sonno. Infine l'identificazione dell'ipnotipo e del cronotipo danno indicazioni preziose sulle caratteristiche del sonno di ciascuna persona e quindi permettono di attuare degli accorgimenti comportamentali che favoriscono il sonno.

Ipnotipo

«Per ipnotipo si intende la necessità di sonno individuale - spiega la psicologa- si distingue il dormitore normale (7/8ore di sonno) il dormitore breve (meno di 6 ore di sonno) e il lungo dormitore (10 ore o più di sonno). Il cronotipo è il rapporto tra orologio interno ed orologio esterno, si parla di cronotipo normale, quando si ha necessità di riposare negli orari canonici (23h/7h); di cronotipo gufo, qualora si rimane più sveglio la sera e si fatica la mattina, di cronotipo allodola quando il bisogno di dormire inizia presto la sera e al mattino  si è particolarmente produttivi. Quindi per un dormitore breve gufo, ad esempio, non è consigliabile andare al letto presto con la speranza di dormire 9 ore. Tutte queste informazioni possono essere utili per avvicinarsi al sonno in maniera diversa e consapevole. In certi casi è sufficiente modificare alcuni stili di vita e di approccio alla notte per migliorare la qualità del proprio sonno, in altri casi occorre anche l'aiuto di uno specialista psicoterapeuta e/o medico». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Ladri scatenati, scappano con oro e Rolex: i residenti scendono in strada armati

  • Racconto-choc di una bimba in spiaggia: «Volevano rapirmi». Indagini in corso

  • Si lancia dalla finestra, trovato nudo in strada: anziano grave in ospedale

  • CRN, consegnato al suo armatore il nuovo mega yacht da 62 metri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento