Mercoledì, 29 Settembre 2021
Salute

Il ruolo delle farmacie nella lotta al Covid, il punto di Federfarma Marche

I vertici di Federfarma Marche sul ruolo delle farmacie nella lotta alla pandemia

Positivi i risultati registrati nelle farmacie marchigiane  nei primi giorni di attivazione  dell’accordo nazionale sui prezzi ridotti per il tampone antigenico rapido. Andrea Avitabile, come presidente di Federfarma Marche,  segnala che «i cittadini marchigiani avevamo già dimostrato di avere fiducia nelle   farmacie marchigiane tanto che, prima dell’applicazione dell’accordo,  erano stati  effettuate,  tra tamponi e test sierologici , più di 240.000 prestazioni tutte registrate sulla piattaforma goopencare, ad un prezzo di per se’ già calmierato rispetto al mercato nazionale». Secondo Federfarma i numeri si incrementeranno con la ulteriore riduzione del  costo del tampone antigenico rapido fissato ora a 15 euro, fino al 30 settembre, con una  marcata agevolazione per i minori nella fascia di età 12-18 anni in  cui il costo del tampone viene ridotto a 8 euro. «Indagini attestano che oltre il 60% dei tamponi richiesti volontariamente dai cittadini si effettuano nelle farmacie a conferma dell’efficacia ed efficienza del sistema- spiega Federfarma in una nota- Le farmacie stanno prendendo parte attivamente alla campagna vaccinale contro il Covid., infatti dopo le attività di screening, come i tamponi rapidi e i test sierologici, la  capillarità delle farmacie sta contribuendo in accelerazione   alla lotta contro la pandemia. Notevole è  la soddisfazione delle farmacie   anche per l’ottimo andamento della campagna vaccinale , infatti nei  mesi di giugno e luglio sono state  effettuate più di 8.000 vaccinazioni  nelle prime 93 farmacie marchigiane abilitate . Iniziativa anche questa avviata con la piena collaborazione della Regione   che ha riconosciuto il ruolo fondamentale della farmacia marchigiana».

Marco Meconi, vice presidente di Federfarma Marche e delegato alle farmacie rurali sottolinea: «questi dati oltremodo positivi confermano  che se i cittadini possono scegliere, hanno più facilità a vaccinarsi dal farmacista di fiducia, per questione di accessibilità, di confidenza, di rapporto personale. Questa modalità si sta confermando molto  utile anche per 'recuperare' quegli anziani che al momento, o per mancanza di dimestichezza con la tecnologia, o per difficoltà logistica, fino ad ora non si sono vaccinati. Su questo fronte le farmacie ,specie nelle zone più distanti dalle strutture ospedaliere , unitamente ai   medici di medicina generale,  stanno facendo  un grande lavoro».     

«Tutte queste attività – secondo  Avitabile – sono un ulteriore passo avanti per la farmacia dei servizi di comunità,  parte integrante del servizio sanitario regionale; una conferma attestata anche dal rilascio del green pass da parte  delle farmacie marchigiane che si sono messe a disposizione degli anziani e di tutti i cittadini per stampare  gratuitamente il personale attestato».    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ruolo delle farmacie nella lotta al Covid, il punto di Federfarma Marche

AnconaToday è in caricamento