I più piccoli nella pandemia: «Boom di disturbi psicologici nei bambini»

La presidentessa dell'Ordine degli Psicologi delle Marche ha messo in evidenza i disturbi più diffusi tra i più giovani durante la seconda ondata del virus

Repertorio

Al webinar Il coraggio delle relazioni: il senso di precarietà psichico in epoca Covid-19 di venerdì sera, organizzato dal “Circolo +76” di Osimo con il patrocinio dell’assemblea legislativa della Regione Marche e dell’Ordine degli Psicologi delle Marche, la Presidentessa Katia Marilungo ha messo in evidenza i disturbi più diffusi tra i più giovani durante la seconda ondata del virus. «Aggressività e disturbi psicosomatici sono fra i primi disturbi degli adolescenti durante la seconda fase del coronavirus- commenta la psicologa Marilungo - Con il lockdown e le sue successive fasi la famiglia ha rivestito tre ruoli: è stata al tempo stesso luogo di lavoro, di studio ma anche di isolamento e le conseguenze che oggi ravvisiamo, dati alla mano, su bambini ed adolescenti sono allarmanti: secondo lo studio della Società italiana delle cure primarie pediatriche, effettuato su duemila pediatri, l’80% dei medici segnala un aumento di comportamenti problematici e quasi la totalità (98%) lo segnala sui bambini».

Nei bambini i sintomi manifestati sono episodi di pianto inconsolabile, con una continua richiesta di attenzioni, inappetenza e disturbi del sonno. «Non mancano momenti in cui cercano rifugio a causa del grande senso di paura, alternati a manifestazioni di urla, scoppi di rabbia e aggressività verso oggetti e personale, reazioni riscontrate anche in preadolescenti ed adolescenti- commenta la Marilungo- Alla collera e all’aggressività verbale, nel caso dei più grandi, si associano anche le prime forme di ansia, tristezza e bassa autostima, mentre fra i disturbi psicosomatici i più diffusi sono il mal di testa ed il mal di pancia». A risentirne non è solo l’umore, ma anche una serie di azioni che vengono controvertite: le lezioni scolastiche online comportano «difficoltà di concentrazione ed attenzione, nonché un generale rifiuto di fare i compiti anche in ragazzi che fino a questo periodo non avevano dato segnali di insofferenza verso l’attività didattica. Questi sono tutti segnali tangibili di disturbi da stress post traumatico relativi al comportamento» ha concluso la psicologa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acquaroli blinda la provincia, divieto di spostamento e 20 comuni in zona arancione

  • Conad apre ad Ancona il più grande ipermercato delle Marche e punta sul locale

  • La domenica spensierata finita in tragedia: così è morta Gessica, aveva 34 anni 

  • Dad, divieto di spostamento e attività chiuse: Acquaroli firma la nuova ordinanza

  • Gf Vip, Andrea Zenga eliminato dalla casa: «Mi hanno massacrato»

  • «Le Marche in zona gialla anche nella prossima settimana»

Torna su
AnconaToday è in caricamento