Cardiologie aperte, tornano i controlli gratuiti: il cuore avrà il suo bancomat

Controlli gratuiti, campagna di sensibilizzazione e BancomHeart

Foto di repertorio

Ogni anno in Italia 240.000 persone muoiono per malattie cardiovascolari. Un dato allarmante che riguarda tutti: uomini, donne, anziani, giovani e bambini. Ma fermare questa strage è possibile. Per farlo la Fondazione per il Tuo cuore dei Cardiologi Ospedalieri Italiani si impegna attivamente nella ricerca e nella prevenzione cardiovascolare. 
Dal 2 al 18 febbraio si svolgerà la Campagna Nazionale di Sensibilizzazione e Raccolta fondi per il Tuo cuore, per la prevenzione e la ricerca sulle malattie cardiovascolari, promossa dalla Fondazione per il Tuo cuore dei Cardiologi Ospedalieri ANMCO.  Nel corso della Campagna torna il consueto appuntamento di Cardiologie Aperte, in cui oltre 170 Cardiologie distribuite sul territorio nazionale apriranno gratuitamente le porte al cittadino con screening cardiologici personalizzati, divulgazione di materiale informativo, dibattiti con gli esperti e attività di educazione sanitaria con l’obiettivo di individuare precocemente le malattie cardiovascolari e sensibilizzare la popolazione sui fattori di rischio che possono provocare una cardiopatia. Nelle Marche 4 Cardiologie aderiscono all’iniziativa.

Grazie al Progetto Nazionale di Prevenzione Cardiovascolare Banca del Cuore, ideato e coordinato dalla Fondazione per il Tuo cuore, tutte le Cardiologie aderenti all’iniziativa rilasceranno gratuitamente la BancomHeart ai cittadini che perverranno, una card personale che consente l’accesso al proprio elettrocardiogramma, ai valori della pressione arteriosa, al profilo cardiovascolare e a molti altri esami clinici. Tutti i dati sono custoditi in una “cassaforte” virtuale, consultabile anche a distanza, tramite computer, tablet o cellulare, per accedervi e scaricarli in qualsiasi momento. Fino a oggi sono state distribuite, in tre anni, oltre 50.000 BancomHeart ad altrettanti cittadini italiani.

Michele Gulizia, Presidente della Fondazione per il Tuo cuore dei Cardiologi Ospedalieri Italiani e Direttore della Cardiologia dell’Ospedale “Garibaldi-Nesima” di Catania, sottolinea: «Le malattie cardiovascolari rappresentano circa il 40 % di tutte le morti in Italia e il 31% nel mondo. Chi sopravvive a un attacco cardiaco diventa un malato cronico e questo, oltre a incidere negativamente sulla quantità e sulla qualità della vita, comporta notevoli costi economici per il nostro Paese. Prevenire dunque rappresenta la parola d’ordine. Per questa ragione la Fondazione per il Tuo cuore, che ho l’onore di presiedere, da anni si batte in tal senso, portando avanti numerosi progetti di prevenzione cardiovascolare rivolti all’intera popolazione. Grazie a queste iniziative, in cui crediamo fortemente, solo negli ultimi tre anni abbiamo potuto visitare gratuitamente oltre 50.000 persone, salvando molte vite. La prevenzione è importantissima per tutti, anche per i giovani, dove spesso viene trascurata, poiché permette il riconoscimento precoce di cardiopatie misconosciute che possono provocare anche una morte cardiaca improvvisa».

Fattori di rischio e come mettersi al sicuro

« Vi sono dei fattori di rischio non modificabili come l’età, il sesso e la familiarità – continua il prof. Gulizia – ma il 70 % delle nuove diagnosi di malattie cardiovascolari potrebbe essere evitato intervenendo sui fattori di rischio modificabili, come ad esempio la sedentarietà, il fumo di sigaretta, l’obesità, la glicemia, l’ipertensione arteriosa, l’alimentazione e l’ipercolesterolemia. Per mantenere un cuore sano l’alimentazione e l’attività fisica sono importanti e il mio consiglio è quello di assumere quotidianamente frutta e verdura (almeno tre porzioni), favorendo l’alternanza dei colori che arricchisce l’apporto di vitamine, antiossidanti e omega3; consumare cereali e ortaggi; consumare almeno 400 g di pesce a settimana; limitare la carne ad un paio di volte la settimana; svolgere attività fisica per almeno 30 minuti al giorno».

La campagna di sensibilizzazione

«L’ ANMCO, con oltre 5600 iscritti, è impegnata da oltre 50 anni sul territorio per potenziare l’operato dei propri Cardiologi, fiore all’occhiello della Medicina Italiana nel panorama internazionale. La prevenzione rappresenta la prima arma per combattere le malattie cardiovascolari e ‘Cardiologie Aperte’, che rappresenta una delle numerose iniziative volontaristiche di prevenzione cardiovascolare da noi promosse e realizzate con la Fondazione per il Tuo cuore, vuole essere ancora una volta un invito a tutti i cittadini a sottoporsi ad uno screening cardiovascolare» dichiara il dott. Domenico Gabrielli - Presidente Nazionale ANMCO e Direttore della U.O. di Cardiologia dell’Ospedale Civile Augusto Murri di Fermo. Per portare avanti le attività di prevenzione e ricerca delle malattie cardiovascolari la Fondazione per il Tuo cuore ha bisogno dell’aiuto e del cuore di tutti gli italiani.  L’attrice Nicoletta Romanoff e il cantante Mario Biondi hanno deciso di sostenere per primi questa Campagna, rendendosi gratuitamente disponibili alla realizzazione di uno spot sociale che in questi giorni sensibilizzerà l’opinione pubblica sull’importanza della lotta alle malattie cardiovascolari che rappresentano una vera emergenza del nostro Paese. Durante la Campagna sarà attivo il numero solidale 45523 e sarà possibile sostenere la Fondazione per il Tuo cuore donando 2 euro attraverso un SMS da cellulare Wind Tre, Tim, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali, o 5 - 10 euro chiamando da rete fissa Tim, Vodafone, Wind Tre, Fastweb, Tiscali, TWT, Convergenze e PosteMobile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento