I disturbi alimentari nel bambini: quando rivolgersi allo specialista

Una piccola guida che può aiutarvi a riconoscere i primi "campanelli d'allarme"

I disturbi alimentari nei bambini possono nascondere problematiche più serie e, se non trattate, protrarsi negli anni successivi. Riconoscerli e affrontarli con un bravo medico specialista è la prima cosa da fare, ma spesso i sintomi non sono così chiari da far scattare il classico campanello d’allarme. 

Celiachia nelle scuole di Ancona, i dati

Qualcosa non va se…

Qualcosa non va nell’alimentazione del bambino quando compaiono questi sintomi: 

-    Rifiuto del cibo reiterato e in situazioni specifiche

-    Estrema selezione degli alimenti (nei bambini più grandi): occhio al rifiuto anche solo di assaggiare alimenti nuovi 

-    Disfagia funzionale: il bambino mostra parziale rifiuto del cibo per paura di vomitare o soffocare, anche se non ha patologie particolari

I disturbi alimentari più frequenti 

•    disturbo della nutrizione: in cui il bambino non riesce ad assumere la quantità e la qualità di nutrienti necessarie al suo sviluppo, andando incontro a problemi della crescita;

•    comportamento “pica”: ossia l’abitudine che hanno alcuni bambini di ingerire sostanze non commestibili, come i sassi o la sabbia;

•    disturbo di ruminazione: un problema legato a frequenti episodi di rigurgito, da ricollegare però unicamente a disturbi comportamentali e non a malattie, come il reflusso gastroesofageo.
 

Potrebbe interessarti

  • Si avvicina il controesodo: come viaggiare con il caldo (senza soffrire troppo)

I più letti della settimana

  • Non risponde al telefono, un'amica dà l'allarme: la trovano morta in salotto

  • L'orrore scoperto dalle due figlie, papà e mamma trovati impiccati

  • Sfugge al controllo della mamma, l'auto lo travolge: morto un bimbo di 9 anni

  • Il mostro ha vinto dopo 4 anni di lotta, Ilenia è morta: la giovane mamma lascia 2 bambini

  • Paura nelle acque del porto, la barca avvolta dalle fiamme: dentro 5 persone

  • Entra in acqua e poi scompare, lo cercano in mare ma lo trovano nella spiaggia libera

Torna su
AnconaToday è in caricamento