Dieta del riso, cosa prevede e quali sono le controindicazioni

Mangiare quasi solo riso per perdere circa 20 chili al mese. E’ quanto promette la “dieta del riso”. Conosciamola da vicino

Repertorio

Mangiare quasi solo riso per perdere circa 20 chili al mese. E’ quanto promette la “dieta del riso”. Conosciamola da vicino, ma prima mettiamo in chiaro le indicazioni per un dimagrimento sano:

  •  Prima di intraprendere qualsiasi tipo di dieta chiedi consiglio al tuo medico o ad un esperto nutrizionista.
  • Varia sempre il più possibile gli alimenti.
  • Bevi almeno due litri di acqua al giorno per eliminare le tossine e favorire il buon funzionamento intestinale.
  • Evita le cotture pesanti, come le fritture: meglio bollire, grigliare o cuocere al vapore.
  •  Usa il sale con moderazione, ma puoi anche sostituirlo completamente con erbe aromatiche e spezie, che danno gusto e non aggiungono calorie.
  •  Evita i dolci e, in generale, lo zucchero, che può essere sostituito con dolcificanti naturali come il miele o lo zucchero di canna integrale, da utilizzare sempre in piccole dosi.
  •  Segui sempre un’adeguata attività sportiva, che ti permetterà di raggiungere uno stato di salute ottimale e bruciare in modo sano le calorie in eccesso.

Tipi di riso 

  • Integrale 
  • Venere 
  • Basmati 
  • Rosso 
  • Selvaggio 

Caratteristiche nutritive 

La dieta del riso promette un dimagrimento di circa 20 kg al mese e prevede un consumo quasi esclusivo di riso, in particolar modo integrale, ma anche venere, basmati, rosso e selvaggio. Questo regime alimentare, infatti, si basa sulle 4 caratteristiche nutritive principali di questo cereale, ovvero: 

  •  l'alta presenza di fibre;
  •    il basso apporto calorico (330kcal per 100g di riso);
  •     il potere saziante - dato dalla capacità del riso di assorbire molta acqua in cottura; 
  •    la stimolazione della diuresi - grazie all'alta presenza di potassio.

Versione “hard” e versione “soft”

Inoltre, la dieta del riso può essere seguita in due versioni diverse: una da "terapia d'urto", che ha una durata massima di 9 giorni, e una più blanda, della durata di un mese. Quest'ultima versione prevede un apporto calorico crescente e si divide in due fasi, una detox, ovvero 15 giorni incentrati sulla disintossicazione dell'organismo in cui l'apporto calorico giornaliero non può superare le 800 calorie e dove sono concessi solo riso, formaggi magri, frutta e verdura, e una di mantenimento, dove sono concessi anche altri alimenti come legumi freschi o secchi, pesce, carni bianche e altri cereali (quinoa, miglio, grano saraceno, ecc..), per un totale di 1200 calorie al giorno.

Vantaggi

Indubbiamente, la dieta del riso permette di dimagrire velocemente, grazie al consumo quasi esclusivo di un cereale ricco di fibre e povero di sodio, ovvero il riso integrale; inoltre, tra gli altri vantaggi che derivano dal seguire la dieta del riso possiamo annoverare il suo potere disintossicante e lo stimolo della diuresi.

Controindicazioni

Se è vero che la dieta del riso permette di dimagrire velocemente, è anche vero che questo regime alimentare è molto drastico e poco raccomandabile, soprattutto nel fai da te, e da seguire unicamente dietro approvazione del medico o dell'esperto nutrizionista.
Questa dieta, infatti, risulta poco equilibrata nella varietà e nella ripartizione dei nutrienti, dato che ammette solo pochi alimenti e ne elimina molti altri, e, come tutte le diete drastiche, ha il difetto che una volta interrotta, se non si assume un corretto ed equilibrato regime alimentare, fa riprendere immediatamente tutti i chili persi.
Inoltre, la dieta del riso è un regime alimentare ipoproteico e ipocalorico che può comportare una consistente diminuzione della massa muscolare, ipotensione e gravi carenze a livello vitaminico, mentre la grande perdita di liquidi conseguente alla prima fase disintossicante può avere conseguenze anche sulla salute.

Le principali controindicazioni di questa dieta sono quindi:

  •   lo scarso equilibrio nutrizionale (carenza di proteine, vitamina D, calcio, ferro ecc);
  •    i chili persi sono principalmente liquidi, mentre la massa adiposa può non essere intaccata;
  •    possibile peggioramento della pressione bassa;
  •    possibile perdita di massa muscolare in presenza di attività fisica regolare;
  •    stanchezza e affaticamento;
  •    noia e monotonia dei cibi;
  •  possibile flatulenza;
  •    frequente sensazione di fame;
  •    una volta interrotta, se non si assume un corretto ed equilibrato regime alimentare, fa riprendere immediatamente tutti i chili persi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acquaroli ha firmato l'ordinanza: dal 3 marzo provincia di Ancona in zona rossa

  • David Mazzoni vince la V puntata di Italia's Got Talent, la sua voce è meravigliosa

  • Ancona e provincia in zona rossa, cosa cambia dal 3 marzo? Tutte le misure

  • Da sabato chiuse le scuole superiori e medie: Dad in tutta la provincia

  • Apre Spazio Conad, il più grande ipermercato delle Marche che guarda al futuro

  • Coppia contagiata dal Covid: Oreste e Maria Antonietta muoiono a distanza di poche ore

Torna su
AnconaToday è in caricamento