Alimentazione

Marche, regine dei ceci: boom di legumi sulle tavole del territorio

Le Marche, secondo i dati Istat sulle produzioni agricole, sono in testa alla classifica nazionale per la coltivazione dei ceci. Quasi un marchigiano su due mangia legumi almeno una volta alla settimana

Foto tratta da "cure naturali.it"

Quasi un marchigiano su due mangia legumi almeno una volta alla settimana. Alimenti ricchi e sostenibili che hanno incrementato di molto la loro presenza sulle tavole della nostra regione con la percentuale di corregionali che dicono di consumarne passato in 10 anni dal 38% a quasi il 50%. È quanto emerge da uno studio Coldiretti Marche su dati Istat alla vigilia della Giornata Mondiale dei Legumi, istituita dalla Fao e celebrata il 10 febbraio per aumentare consapevolezza e consumo di un cibo altamente nutriente, ritenuto fondamentale “nell'affrontare le sfide della povertà, della sicurezza alimentare, della salute umana e della nutrizione, della salute del suolo e dell'ambiente, contribuendo così agli obiettivi di sviluppo sostenibile”. Le Marche, secondo i dati Istat sulle produzioni agricole, sono in testa alla classifica nazionale per la coltivazione dei ceci (oltre 12mila quintali) e secondi per quella della lenticchia (oltre 51mila quintali, dietro l’Umbria). Negli ultimi 10 anni gli ettari dedicati a queste colture sono triplicati e non mancano veri e propri “salvataggi” dall’estinzione. Legumi antichi recuperati dall’abbandono come, ad esempio, la Cicerchia dei Monti Sibillini, la Cicerchia di Serra de’ Conti e la Roveja, legumi riconosciuti dalla Fondazione Campagna Amica come Sigilli di Biodiversità. 

«Tipicità che sono state preservate dagli agricoltori, veri e propri custodi del territorio – spiega Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche –. Dobbiamo sostenerli. Un gesto semplice come l’acquisto di un prodotto alimentare riveste in realtà un grande valore sociale: acquistare cibo locale, italiano, aiuta l’economia dei territori ed è grande alleato della tutela dell’ambiente. Il consiglio è quello di privilegiare legumi che esplicitamente evidenziano l’origine nazionale in etichetta o quelli in vendita direttamente dagli agricoltori, anche nei mercati di Campagna Amica, dove è garantita la provenienza».

(Foto tratta da "cure naturali.it")
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marche, regine dei ceci: boom di legumi sulle tavole del territorio

AnconaToday è in caricamento