Trattamento dei rifiuti, Acea acquista quattro impianti e si rafforza ad Ancona

Perfezionato un accordo per il rilevamento del 60% del capitale delle società Ferrocart e Cavallari, attive nello stoccaggio e selezione di rifiuti

Foto di repertorio

Acea ha perfezionato un accordo per l'acquisizione del 60% del capitale rispettivamente delle società Ferrocart e Cavallari (che detiene il 100% di Multigreen), attive nello stoccaggio, trattamento e selezione di rifiuti. Le società Ferrocart, Cavallari e Multigreen, titolari complessivamente di 4 impianti con una capacità autorizzata totale di oltre 145 mila tonnellate annue, operano nelle province di Terni e Ancona svolgendo attività di selezione e recupero di carta, ferro, legname, plastica e metalli.

Inoltre sono attive nella gestione della raccolta differenziata di scarti di produzione e imballaggi oltre che nello smaltimento di rifiuti, principalmente per conto di Corepla ("Consorzio Nazionale per la Raccolta, Riciclo e Recupero degli Imballaggi in Plastica"). Il valore economico dell'operazione, in termini di enterprise value per il 100% delle due società, si legge in una nota, è di circa 25 milioni di euro. Le società saranno consolidate al 100% da Acea, con un contributo all'Ebitda previsto, su base annua, di circa 4,5 milioni di euro. Questa operazione rappresenta per Acea un importante passo in avanti nel percorso di crescita infrastrutturale nel settore del trattamento dei rifiuti e un ulteriore investimento nell'economia circolare, in linea con quanto previsto dal Piano Industriale 2019-2022 e con gli obiettivi di sostenibilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento