menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Conte

Giuseppe Conte

Dall'11 gennaio mezza Italia a rischio zona arancione: ci sono anche le Marche

Nove regioni possono finire in lockdown a partire dall'11 gennaio con l'ordinanza del ministero dopo la modifica dei parametri. Tra queste anche le Marche

Ci sono nove regioni a rischio zona arancione da lunedì 11 gennaio e la ragionevole certezza che il nuovo Dpcm in arrivo entro il 15 gennaio confermerà la stretta per tutta Italia. Mentre il bollettino dell'Epifania lancia segnali allarmanti sull'andamento dell'epidemia di coronavirus: il contagio cresce in tutta Italia e i casi gravi sono in aumento al Sud. Per questo si pensa di mantenere le restrizioni del decreto legge 1/2021 con qualche ipotesi di inasprimento se la curva dei contagi dovesse tornare a crescere. Intanto il sottosegretario Sileri racconta in un libro il "Covid segreto", ovvero i retroscena della gestione della pandemia. Tra le regioni a rischio, ci sarebbero anche le Marche. 

Le nove regioni a rischio zona arancione da lunedì e la stretta nel nuovo Dpcm

Non è una bella prospettiva quella che apre il 2021 del governo di Giuseppe Conte, alle prese intanto con la crisi interna alla sua maggioranza, con il rimpasto dell'esecutivo e le minacce di caduta. Ma le problematiche della politica passano necessariamente in secondo piano di fronte all'emergenza Covid-19, che ieri ha visto numeri in salita: 20.331 i positivi in più su base giornaliera con il tasso di positività stabile all'11,4% come martedì (ma con le persone testate per la prima volta, che ieri sono state 75.719, sale al 26,8%), e 76877 vittime. Ieri si è registrato un forte aumento del numero di tamponi effettuati (43mila in più), che in parte spiega la crescita dei contagi insieme allo shopping del periodo pre-festivo (gli effetti del decreto n.172 e delle deroghe e delle scappatoie per vedere parenti e amici verranno conteggiati più in là). "Gli effetti del decreto natale, quello dell’Italia tutta rossa o arancione, si vedranno solo dopo la metà di gennaio", ha detto ieri Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe.

Intanto però nell'ultima settimana, segnala il dottor Paolo Spada su Pillole di Ottimismo, l'aumento dei positivi è del 28% nell'intera penisola. I valori più elevati tra le regioni si riscontrano in Abruzzo (+82,4% negli ultimi sette giorni rispetto ai sette precedenti), Sicilia (+66,5%), Basilicata (+60,1%), Bolzano (+45,6%), Lombardia (+45,3%), Campania (+41,9%), Marche (+37,3%), Emilia Romagna (+33,7%), Lazio (+32,5%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini, fascia d'età 50-59 anni senza patologie: si dovrebbe partire il 13 maggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento