Attualità

Torna la zona arancione, ecco cosa si può fare dal 28 al 30 dicembre

Quali sono le regole in vigore? Per quali spostamenti serve per forza compilare il modulo autodichiarazione? Quali negozi ed esercizi commerciali sono aperti? Ecco un vademecum delle regole, dei permessi e dei divieti

Foto di repertorio

Oggi, 28 dicembre, in tutta Italia sono in vigore le regole della zona arancione, che varranno anche il 29 e fino 30 compreso: dal giorno di Capodanno e fino al 3 gennaio tornerà la zona rossa. Cosa cambia da zona rossa ad arancione? Cosa si può fare e non fare dopo il decreto legge 172/2020 del 18 dicembre? Ecco un vademecum delle regole, dei permessi e dei divieti a partire da oggi validi fino al 30 dicembre. E ci sono anche regole per gli spostamenti in automobile da seguire. 

28 dicembre, zona arancione: cosa si può fare e non fare da oggi e fino al 30

In questi giorni, come scrive Today.it, ci si potrà spostare liberamente all'interno dei comuni dalle 5 alle 22, mentre dalle 22 alle 5 rimane in vigore il coprifuoco. Tutti i negozi sono aperti tranne bar e ristoranti che possono però fare servizio da asporto e consegna a domicilio. Per spostarsi oggi negli orari in cui non è in vigore il coprifuoco non serve l'autocertificazione mentre negli orari del coprifuoco ci si potrà muovere soltanto per ragioni di lavoro, salute o estrema necessità e urgenza. C'è però l'obbligo di indossare la mascherina e di rispettare il distanziamento sociale di un metro. L'autocertificazione, necessaria solo per chi si sposta dalle 22 alle 5 o per chi esce dal proprio comune, può essere portata con sé oppure si può compilare durante l'eventuale controllo delle forze dell'ordine. Ricapitolando, nella zona arancione: 

  • si possono effettuare spostamenti all'interno del proprio comune liberamente dalle 5 del mattino alle 22;
  • si possono effettuare spostamenti al di fuori del proprio comune per fare visita a parenti e amici ma sempre all'interno della propria regione; 
  • non si può uscire dalla propria regione;
  • ci si può spostare fuori dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, percorrendo una distanza non superiore a 30 chilometri e senza recarsi nel capoluogo di provincia; 

Rimane comunque possibile, nella zona arancione come nella zona rossa, spostarsi tra comuni per raggiungere i figli minorenni presso l'altro genitore o l'affidatario o per condurli in casa propria. È consentito andare in chiesa dalle 5 alle 22 e sono consentite le passeggiate e le attività motorie. Permesso anche raggiungere parchi pubblici e giardini all'interno del proprio comune, il gioco dei bambini all'interno di parchi e ville e lo spostamento per partecipare a funerali di parenti. Fare rientro al domicilio o alla propria residenza è sempre consentito.

È poi possibile spostarsi all'esterno del proprio comune per fare la spesa e comprare generi alimentari o prodotti che non sono disponibili nel proprio municipio o sono più convenienti economicamente in altre zone; in questo caso lo spostamento va giustificato con l'autocertificazione. L'Italia restera' in zona arancione soltanto in questi giorni e il 4 dicembre. Il 31 dicembre e l'1, 2, 3, 5 e 6 gennaio ritornerà in zona rossa, e tra il 31 dicembre e il primo gennaio il coprifuoco varrà fino alle 7 del mattino. 

CONTINUA A LEGGERE TUTTE LE INFORMAZIONI A QUESTO LINK

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna la zona arancione, ecco cosa si può fare dal 28 al 30 dicembre

AnconaToday è in caricamento