rotate-mobile
Attualità Osimo

Yarn Bombing: inaugurate le installazioni per sensibilizzare sulla sordocecità

Un patchwork intessuto di tutti i colori e i fili della solidarietà per aumentare la consapevolezza e la conoscenza della sordocecità e ricordare i diritti delle persone sordocieche

Si è svolta questa mattina ad Osimo, alla vigilia della Giornata Internazionale della Sordocecità (27 giugno), la cerimonia di inaugurazione dell'iniziativa Yarn Bombing, il variopinto "bombardamento di manufatti” intessuto di tutti i colori e i fili della solidarietà promosso in 10 regioni italiane dalla Fondazione Lega del Filo d'Oro Onlus, su proposta della rete Deafblind International - di cui l'Ente fa parte – per aumentare la consapevolezza e la conoscenza della sordocecità e ricordare i diritti delle persone sordocieche in tutto il mondo. 0oajKdqA-2

Alla manifestazione, che si è tenuta presso il Palazzo Comunale di Osimo, sono intervenuti il Sindaco Simone Pugnaloni e il Presidente della Lega del Filo d'Oro Rossano Bartoli che, con il sostegno degli utenti, delle famiglie, dei volontari, dei sostenitori e di tanti amici dell'Ente, hanno inaugurato le coloratissime lavorazioni che decoreranno fino a sabato 3 luglio le finestre del Palazzo Comunale, le fioriere nella piazza antistante e l'angolo dei Tre Pini. Rossano Bartoli, Presidente della Fondazione Lega del Filo d'Oro Onlus ha dichiarato: «La strada per il pieno riconoscimento dei diritti delle persone sordocieche è ancora lunga, nonostante il Parlamento Europeo l'abbia riconosciuta come disabilità specifica nel 2004. Crediamo fortemente che sia necessario garantire a chi non vede e non sente la possibilità di esprimere non solo i propri bisogni, ma altresì le proprie potenzialità e competenze, nella convinzione che una persona sordocieca partecipe possa rappresentare una risorsa preziosa per una società maggiormente inclusiva».

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Yarn Bombing: inaugurate le installazioni per sensibilizzare sulla sordocecità

AnconaToday è in caricamento