rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Attualità

L'effetto Vasco travolge Ancona: hotel pieni, prenotazioni già da settembre

Vasco, meno due. Alberghi al completo con le prime prenotazioni datate nove mesi fa. L’effetto “Blasco” travolge la città

ANCONA - Vasco, meno due. Alberghi al completo con le prenotazioni che sono cominciate a piovere già da settembre. L’effetto “Blasco” si sente, eccome. Al concerto sono attese oltre 30mila persone. «Le prenotazioni sono iniziate nove mesi fa, principalmente via booking- conferma Laura Bartozzi, receptionist dell’Hotel Italia- negli ultimi giorni c’è stato il grosso, ma telefonicamente». Scontato dire che le presenze arrivano da ogni parte del centro Italia e non solo. Più precisi, fino al momento del check-in, non si può essere. Chi prenota però non lascia dubbi: «Dicono che vengono per un concerto» spiega la Bartozzi. E “il”concerto è quello di sabato allo stadio del Conero. Anche “Ultimo” ha fatto sorridere gli albergatori la scorsa settimana, ma con le prenotazioni che sono arrivate più a ridosso del concerto.

Parcheggi e orari delle navette: come arrivare da Vasco 

Stessa situazione per l’Hotel Fortuna. I fan di Vasco hanno iniziato a contattare la struttura ad inizio anno. «Questa è di aprile, questa è stata fatta a maggio- dice il titolare Giordano Cantarini, scorrendo l’elenco sul monitor del pc- le prime però sono arrivate a gennaio e febbraio, perché specialmente chi viene da lontano prenota con molto anticipo. Sì. La stessa domenica dello scorso anno, anche per l’effetto delle restrizioni anti-pandemia, non eravamo pieni. Sì, l’effetto Vasco si sente eccome». 

Guido Guidi, presidente della The Begin Hotels e titolare del Seeport di Ancona oltre che del Seebay Hotel di Portonovo: «Un evento come questo fa sempre bene alla città e alle sue attività, attira tante persone diverse, di tutte le età, e crea un indotto. Essere tappa di uno dei tour più importanti a livello nazionale porta lustro alla città ed è un altro modo di comunicare Ancona come destinazione. L’occupazione in questo periodo è già molto alta, ad ogni modo la domenica è normalmente un giorno di ricambio e capita di avere camere libere, questa domenica no. Non è comunque solo quello che si vede il giorno del concerto- spiega Guidi- ma tutto quello che ruota intorno ad un evento come questo che muove, sin da giorni e addirittura settimane prima. È in generale un boom per la nostra destinazione quest’anno, perché c’è grande richiesta per la baia e per Ancona». 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'effetto Vasco travolge Ancona: hotel pieni, prenotazioni già da settembre

AnconaToday è in caricamento