menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Massimo Clementi

Massimo Clementi

Il virologo Clementi sul Covid mutato: «Chiusi confini con presunta variante già qui»

A dirlo è Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e virologia dell'ospedale San Raffaele di Milano e docente dell'università Vita-Salute. Le sue parole

«Una presunta variante inglese, che non è inglese, che non è una variante, che chissà perché è stata presentata in questo modo sia dal governo britannico che dalla stampa internazionale». E' la fotografia di «un allarmismo che spero non ci porteremo con noi nel 2021». A dirlo è Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e virologia dell'ospedale San Raffaele di Milano e docente dell'università Vita-Salute.

La variante di Covid-19 di cui si parla in questi giorni, spiega all'Adnkronos Salute, «è stata identificata anche in un soggetto a Loreto (Ancona), il cui tampone è del 18 dicembre. Quindi, di nuovo, abbiamo chiuso gli aeroporti quando avevamo un'altra volta il virus in casa. Se fossi stato tre giorni bloccato a Heathrow mi sarei un po' inalberato», ragiona. Questi riflettori puntati sulle mutazioni del coronavirus Sars-CoV-2 mostrano ancora di più, evidenzia il virologo, l'importanza della sfida del vaccino e dell'immunità di gregge. «Sulla base delle evidenze disponibili, il vaccino ci protegge anche da tutte le varianti descritte, compreso appunto questa presunta variante inglese. Spero dunque che il 2021 ci porti meno allarmismo - conclude - Si è tutti un po' caduti in questa trappola, i politici per primi ma anche alcuni colleghi medici», negli ultimi scampoli del 2020

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento