rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Attualità

Unicorn, progetto a gonfie vele e team da potenziare: si cercano dieci nuovi profili

La creazione dell’imprenditore Angelo Abate che ha reso il Passetto un’autentica culla di talenti sta riscuotendo un incredibile successo. Per implementare il team si cercano dieci figure tecniche

Il progetto Unicorn, la nuova culla di talenti che è sorta fisicamente al Passetto (al posto dell’ex storico ristorante), sta riscuotendo un successo incredibile tra gli anconetani e non solo facendosi apprezzare anche fuori regione. L’idea innovativa voluta e realizzata dall’imprenditore campano, trapiantato da anni ad Ancona, Angelo Abate ha letteralmente bruciato le tappe trovandosi “piacevolmente” costretta ad allargare il proprio team per raggiungere un ambizioso obiettivo di fatturato tra 2021 e 2022.

Nello specifico attraverso Unicorn, si cercherà di fornire dieci figure giovani, competenti e vogliose di mettersi in gioco alla Gumpab Srl azienda in forte espansione con un progetto volto a ispirare il cambiamento nel settore immobiliare e dell’ecosostenibilità. Azienda che contribuirà attivamente alla trasformazione di interi edifici dalla classe G alla classe A nelle Marche, nel Lazio e in Emilia Romagna. I colloqui aperti a tutti coloro i quali vorranno sfruttare la grande occasione lavorativa inizieranno già da questo weekend nel quartier generale Unicorn, a due passi dal mare, e riguarderanno architetti/ingegneri progettisti, project manager/ingegneri, geometri contabili, stagisti, ingegneri termici, amministrativi. Figure tecniche in sostanza.

«Siamo alla ricerca di queste figure per una delle aziende più innovative d’Italia. Vogliamo creare posti di lavoro per giovani, anconetani e non solo così da implementare e migliorare l’economia della città. Li stiamo cercando con una certa urgenza visto l’obiettivo di fatturato che abbiamo tra il 2021 e il 2022. Gumbap ha tantissimi lavori di rigenerazione in cantiere e contribuirà anche dal punto di vista ecosostenibile alla trasformazione di numerosi edifici da classe G a classe A. Da questo weekend allo Unicorn inizieremo i colloqui pronti ad accogliere chiunque volesse mettersi in gioco».

Sul successo di questo primo mese dopo il battesimo del 23 settembre Abate è raggiante: «Abbiamo già implementato il team con figure commerciali, ora cerchiamo i tecnici. Ci stanno contattando da tutta Italia ma anche imprenditori molto noti delle Marche che vogliono partecipare. Sta facendo effetto la nostra filosofia che mira a rendere Ancona attraente e ambiziosa, il vento sta cambiando. Una struttura che guarda al futuro ci voleva in questa città che è rimasta ferma troppo tempo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unicorn, progetto a gonfie vele e team da potenziare: si cercano dieci nuovi profili

AnconaToday è in caricamento