Attualità

Una lunga storia di dolcezza, “Pasticceria Franco” si racconta: «La qualità al centro di tutto»

L’antica pasticceria anconetana nata nel 1972 ha riavvolto il nastro dei ricordi ripercorrendo tutti questi anni tra cambiamenti e ricambio generazionale. Si va verso il cinquantesimo tra l’apprezzamento generale

Certe storie iniziano da lontano e arrivano ai giorni nostri. Storie d’amore e di dolcezza che hanno abbracciato generazioni e generazioni di anconetani. Una di queste è quella della Pasticceria Franco, storico esercizio commerciale del capoluogo che il prossimo anno celebrerà il cinquantesimo della sua attività. A raccontarlo “oggi” ci ha pensato Barbara Maggi, figlia di Franco (morto nel 2009), che insieme alla sorella Valentina e alla mamma Adriana portano avanti quotidianamente questo cammino:

«La storia inizia molto lontano ha come protagonisti mia nonna, Maria, mia mamma Adriana e mio padre Franco. Prima della guerra mia nonna era rimasta sola e con l’aiuto di chi le era vicino aveva già aperto una prima sorta di pasticceria intorno all’Arco di Caròla. Con il terremoto del ’72 furono costretti a spostarsi e nell’ottobre del 1972 Pasticceria Franco approdò e nacque nel quartiere Verbena. Solo nel 1976 va registrato lo spostamento nella sede di Via Manzoni che rappresentata il nostro storico punto di riferimento».

Cinquant’anni, che verranno festeggiati tra trecentosessanta cinque giorni esatti, vissuti tra l’apprezzamento generale. Non venendo mai meno a quelle che sono le prerogative della Pasticceria: «La gente ci apprezza per la qualità. Ne abbiamo fatto un nostro caposaldo che nel tempo non è mai mancato. Il segreto è rimanere classici anche nel cambiamento, non seguire le mode, perché la tradizione paga sempre. A livello di lavorazione le cose possono cambiare ma bisogna sempre mantenersi tradizionalisti. La pasticceria di dolce deve essere una coccola e un ricordo. Deve saper emozionare».

E se qualcuno parla di crisi dovuta all’ascesa della grande distribuzione, la risposta è quanto di più chiaro può essere trasmesso: «Parliamo di canali diversi, per non farci mangiare dobbiamo distinguerci. Più che la grande distribuzione è stato il Covid a cambiare il modo di vedere le cose e il come comportarsi. Nel nostro piccolo anche Pasticceria Franco si è adeguata alla consegna a domicilio ma la qualità è la nostra di sempre».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una lunga storia di dolcezza, “Pasticceria Franco” si racconta: «La qualità al centro di tutto»

AnconaToday è in caricamento