Attualità

Rischio aumento pedaggi dal 1 agosto agosto: «Possibile blocco dell'autotrasporto»

«Va bloccato l’aumento dei pedaggi autostradali che potrebbero scattare ad Agosto e prorogate tutte le scadenze relative alle patenti, alle CQC, alle revisioni pena il blocco dal 1° agosto di buona parte dell’autotrasporto»

Foto di repertorio

«Va bloccato l’aumento dei pedaggi autostradali che potrebbero scattare ad Agosto e prorogate tutte le scadenze relative alle patenti, alle CQC, alle revisioni pena il blocco dal 1° agosto di buona parte dell’autotrasporto». Così in una nota Confartigianato Trasporti e Unatras. Il 31 luglio 2021 scadrà la sospensione degli aumenti dei pedaggi autostradali stabilita dal Decreto Milleproroghe approvato nel dicembre 2020 e la validità delle proroghe per le patenti, le revisioni. Gilberto Gasparoni Segretario di Confartigianato Trasporti Marche esprime la sua grande preoccupazione che dopo tale termine i pedaggi potrebbero aumentare e chiede ai ministeri dei Trasporti e dell’Economia un intervento legislativo immediato per scongiurare tale rischio. Confartigianato sottolinea in una nota che «le tariffe autostradali italiane sono le più alte d’Europa, e che purtroppo il servizio è in forte peggioramento con rallentamenti, cantieri, code e disagi (come accade da anni nella Marche) oramai quotidiani su tutta la rete che stanno mettendo in ginocchio l’autotrasporto. Inoltre per le questioni patenti, CQC, revisioni il Consiglio dei Ministri, il 22, ha deliberato di prorogare fino al 31 dicembre lo stato di emergenza sanitaria pertanto Confartigianato Trasporti chiede con forza chiarezza sulla proroga ai 90 giorni successivi in base a quanto già stabilito dalla Circolare MIMS 14282 del 27 aprile 2021 che deve essere rinnovata e coordinata con il nuovo Decreto prorogando al 30 marzo 2022 tutti i CQC, patenti e revisioni scadenti dal 1° agosto al 31 dicembre 2021 anche per i trasporti internazionali. Nelle Marche le oltre 4000 aziende di autotrasporto merci, di logistica e persone, con 12.000 addetti meritano grande attenzione e quindi ci auguriamo che il Governo, Il Ministro dei Trasporti e le forze parlamentari raccolgano questo appello. In questa grave situazione Confartigianato ed UNATRAS hanno chiesto alla Viceministra delle Infrastrutture Teresa Bellanova un incontro urgente per un aggiornamento sulle tematiche discusse in occasione dell’incontro del 24 giugno scorso».

Molte le tematiche sul tavolo, afferma Elvio Marzocchi Presidente di Confartigianato Trasporti Marche: il rifinanziamento del fondo (2021/2022) degli investimenti delle imprese per il rinnovo del parco veicolare, delle risorse per l’ammodernamento e l’innovazione del settore anche per la formazione di nuove competenze. Non meno importanti le richieste avanzate da UNATRAS sotto il profilo normativo che, «ritiene necessario di condividere con il Governo ed il MIMS le soluzioni per continuare a garantire l’operatività dell’autotrasporto merci, settore strategico ed essenziale per far “muovere” l’economia, stante le perduranti criticità di mercato legate ai costi di riferimento per il settore ed al mancato rispetto dei tempi di pagamento, acuite in questa particolare fase da condizioni negative quali la carenza di personale autista, le lunghe attese al carico e scarico non retribuite correttamente dalla committenza, la disastrosa gestione infrastrutturale che si perpetra da anni sulla viabilità stradale e nei nodi portuali e logistici”. Il tavolo Autotrasporto appare fondamentale per UNATRAS in virtù del fatto che queste ulteriori questioni necessitano di risposte strutturali senza le quali, a breve, si potrebbe determinare l’impossibilità a continuare ad operare da parte dei vettori». (Foto di repertorio)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischio aumento pedaggi dal 1 agosto agosto: «Possibile blocco dell'autotrasporto»

AnconaToday è in caricamento