Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità Centro storico / Piazza della Repubblica, 60

Teatro a porte chiuse: tre compagnie al lavoro e arriva il "Museshop"

Una settimana di prove per Arturo Cirillo che porta sul palco "Orgoglio e pregiudizio". Aperto anche un negozio dove è possibile «portare a casa un pezzo di teatro»

Marche Teatro non si ferma e prosegue il suo impegno a porte chiuse. Ad Ancona, questa settimana il regista e attore Arturo Cirillo prova al teatro Sperimentale il riallestimento di Orgoglio e Pregiudizio, al teatro delle Muse la compagnia marchigiana Duo Kaos sta lavorando alla performance di circo contemporaneo La memoria dell’acqua mentre a Villa Nappi a Polverigi (altra sede di Marche Teatro) è in residenza creativa l’artista marchigiana Lucia Mauri per lavorare al progetto Fuoricampo.

Arturo Cirillo in Orgoglio e Pregiudizio farà una settimana di prove in attesa di ripartire al più presto in tournée nei migliori teatri italiani. Il capolavoro di Jane Austen, con l’adattamento teatrale di Antonio Piccolo, la regia di Arturo Cirillo; in scena un’eccellente compagnia formata da: Arturo Cirillo, Valentina Picello, Francesco Petruzzelli, Sabrina Scuccimarra, Rosario Giglio, Sara Putignano, Giacomo Vigentini, Giulia Trippetta. Le scene sono di Dario Gessati, i costumi di Gianluca Falaschi, le luci di Camilla Piccioni, le musiche originali Francesco De Melis. La produzione dello spettacolo è di Marche teatro e teatro di Napoli, teatro Nazionale. 

Duo Kaos, formato da Giulia Arcangeli e Luis Paredes, sta lavorando alla performance La memoria dell’acqua dove il corpo occupa e crea lo spazio: l’azione, diretta e sensibile, prevale sulla narrazione. Il circo diviene linguaggio attraverso il quale si dà peso e significato alla costruzione gestuale di due personaggi protagonisti e alla loro relazione.  Duo Kaos è una compagnia marchigiana prodotta Marche Teatro. Un primo studio della performance è stato già presentata in live streaming  dalle Muse nel dicembre scorso nell’ambito del progetto “Marche Accende” è finanziato dal Consorzio Marche Spettacolo nell’ambito del progetto “Refresh! Lo spettacolo delle Marche per le nuove generazioni” e dalla Regione Marche.

Dall’1 al 15 febbraio la performer marchigiana Lucia Mauri è ospite a Villa Nappi a Polverigi per lavorare al progetto Fuoricampo. La residenza creativa fa parte del progetto Residenze 2020 finanziato da MiBACT e dalla Regione Marche nell’ambito del Progetto Residenze Marche Spettacolo. In reazione alle ferite aperte e insanabili di questo periodo nasce fuoricampofuoricampo è tutto ciò che accade fuori dal campo visivo ma riverbera nell’immagine manifesta: è ciò che dà da pensare su ciò che è da vedere. In questi mesi ci chiediamo cosa e come sia ancora possibile mettere in scena. E a quale costo. Con quale responsabilità. La giovane danzatrice e coreografa marchigiana Lucia Mauri è tra le fondatrici della compagnia La Lucina, la cui ricerca artistica è volta al dialogo tra linguaggi diversi, indagando le variazioni linguistiche di ciascun codice per ottenere una restituzione che stimoli nuovi intrecci tra dimensioni dello sguardo, dispositivi della visione e immagini. Compagnia La Lucina, regia e drammaturgia Riccardo Novaria e Guido Mannucci, coreografia Riccardo Novaria, musiche composte da Guido Mannucci, performer Lucia Mauri.

Dal martedì al sabato è inoltre aperto da metà dicembre in via Gramsci (lato destro del Teatro delle Muse), un originale showroom (Museshop) dove, il pubblico  può, letteralmente,  portarsi a casa un pezzetto di teatro. Una vera e propria bottega delle meraviglie dove si può ammirare ed eventualmente acquistare manufatti teatrali originali realizzati dai laboratori di sartoria e scenotecnica del Teatro. Tutti pezzi unici: creazioni originali, materiali e oggetti di scena, bozzetti, foto, disegni firmati dagli  scenografi e dagli artisti che, negli anni, hanno collaborato con Marche Teatro; gadget divertenti, lampade realizzate con i fari teatrali, shopper tutte diverse create dalla sartoria, ma anche cerchietti, maschere e altre curiosità dal mondo dello spettacolo. Matite, taccuini, zainetti, teatrini di carta da montare, magliette, felpe, ombrelli, miniature dei più noti personaggi delle produzioni di teatro ragazzi e curiosi oggetti legati al mondo teatrale (le medaglie delle Muse, cannocchiali, libri d’arte peep show), mini-bambole-manichino ispirate alle più famose opere liriche, piccoli pensieri per San Valentino e carnevale. Al museshop si possono acquistare anche le riviste specializzate: Sipario, L’Opera, Hystrio e una selezione di libri dedicati al teatro delle case editrici Cuepress, Titivillus e Nottetempo. Una bottega delle meraviglie  per ritornare alla magia dell’azione scenica, in attesa di poter rivivere quelle emozioni che solo lo spettacolo dal vivo è in grado di regalare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro a porte chiuse: tre compagnie al lavoro e arriva il "Museshop"

AnconaToday è in caricamento