Attualità

Teatro delle Muse, Papa: «Programma eccezionale, il pubblico non vede l’ora»

La direttrice artistica di Marche Teatro Velia Papa ha presentato il programma del Teatro delle Muse che sta letteralmente spopolando tra gli appassionati che hanno già creato lunghe code ai botteghini per abbonarsi

Una stagione che si preannuncia spettacolare, dall’inebriante sapore di ripartenza dopo lunghi mesi di chiusura a causa del Covid e dei vari decreti. Il Teatro delle Muse ha aperto la propria campagna abbonamenti riscuotendo subito un successo incredibile tra gli appassionati che hanno affollato i botteghini. Seppur con la capienza al 50%, con 499 posti utilizzabili, la direzione ha previsto più repliche così da poter dar modo a tutti di prender visione di un cartello con pochi precedenti negli anni passati.

Ci saranno la prosa, gli eventi internazionali, la danza. Ma ci saranno soprattutto i grandi nomi come Claudio Bisio, Michele Placido, Rocco Papaleo. E poi saranno messi in scena Goldoni, Camilleri e tante altre sorprese. Adesso, come di consueto, spazio alla prelazione vecchi abbonati 2019-2020 e poi apertura ai nuovi per quelli già si preannunciano numeri sicuramente non ordinari:

«Questo entusiasmo che stiamo riscontrando è una bellissima scoperta nonché ovviamente un’enorme soddisfazione – ha confessato la direttrice di Marche Teatro Velia Papa – Sapevamo che poteva esserci interesse, c’è voglia di teatro, voglia di tornare ad una normalità che prevede il consumo culturale e lo svago».

Sul cartello proposto, invece, le parole trasmettono orgoglio e soddisfazione: «Abbiamo aumentato gli spettacoli in cartellone a fronte di una capienza ridotta. Normalmente tra platea e prima galleria possiamo contare su 285 posti che sono pochissimi rispetto a ciò che potremo sfruttare. In questo senso abbiamo puntato sulle repliche permettendo a tutti di poter accedere agli spettacoli. Non si potrà riconfermare il posto abituale, vista la normativa, ma chi acquisterà tutto il pacchetto potrà scegliere dove sedersi. Speriamo sia effettivamente la stagione della ripartenza. Vogliamo rispecchiare la scena italiana e straniera, unendo il classico al moderno. Apriremo con Goldoni e con Michele Placido, porteremo alle Muse volti amati dal pubblico per soddisfare un parterre molto vario ed eterogeneo. Il nostro pubblico non vede l’ora, ci aspetta una grande stagione».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro delle Muse, Papa: «Programma eccezionale, il pubblico non vede l’ora»

AnconaToday è in caricamento