rotate-mobile
Attualità Jesi

Strappato lo striscione solidale con i lavoratori Caterpillar: «Un attacco al mondo del lavoro»

La nota dei sindacati: «Solidarietà piena e convinta al Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri di Jesi”»

I sindacati denunciano «il grave fatto verificatosi la notte di Natale presso la sede del Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri” di Jesi». Si legge nella nota: «La violazione dello striscione che era stato esposto per il sostegno alla lotta per la vertenza dei lavoratori Caterpillar, rappresenta ancora una volta, un attacco ad un presidio del mondo del lavoro e di tutti coloro che ne sono partecipi ed interpreti. Le modalità ed il segnale sono gli stessi che il 14 ottobre scorso sono stati perpetrati davanti alla sede della Cgil di Jesi».

Proseguono i sindacati: «Questa è la dimostrazione che la difesa del mondo del lavoro, è fondamentale e centrale come vuole la Costituzione e nessun atto di stampo squadrista, intimidazione o altro ci faranno recedere di un passo. Solidarietà piena e convinta ai Compagni del Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri di Jesi”».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strappato lo striscione solidale con i lavoratori Caterpillar: «Un attacco al mondo del lavoro»

AnconaToday è in caricamento