Attualità

Treni, a fine del 2022 al via i lavori di riqualificazione della stazione di Pesaro

L'inizio dei lavori di riqualificazione è previsto per la fine del 2022, mentre la fase esecutiva è in programma per l'anno successivo. Le info

Foto di repertorio

Un nuovo ingresso lato Sud, un piazzale ed un fabbricato viaggiatori rinnovati oltre a più parcheggi, spazi verdi e ciclabili. Ecco come sarà la nuova stazione ferroviaria di Pesaro in base al protocollo d'intesa sottoscritto oggi in Comune dal sindaco, Matteo Ricci, e dal direttore Stazioni di Rfi, Sara Venturoni, che prevede la riqualificazione della struttura per un investimento complessivo da 16 milioni di euro equamente divisi tra amministrazione comunale e Rete ferroviaria italiana. «La stazione è un luogo fondamentale a maggior ragione in questo momento storico nel quale stiamo cercando di rilanciare turisticamente la nostra città e renderla sempre più competitiva- dice Ricci-. Avremo un'estate ben servita dal punto vista delle tratte ferroviarie, per noi è un elemento di soddisfazione che ci fa guardare alla stagione che sta per iniziare con la speranza che il settore del turismo possa rinascere».

L'inizio dei lavori di riqualificazione è previsto per la fine del 2022, mentre la fase esecutiva è in programma per l'anno successivo. I principali interventi riguarderanno la riqualificazione del fabbricato di stazione, con la modernizzazione degli spazi dedicati al servizio viaggiatori (atrio di ingresso, aree di attesa e spazi comuni), il restyling delle pensiline e del sottopasso ferroviario, la realizzazione di un nuovo fabbricato di accesso sul fronte Sud. Lo spazio esterno sarà interessato da una riorganizzazione e ridistribuzione dei servizi e dei percorsi di accessibilità, pedonale, ciclabile e veicolare, per migliorare le condizioni di vivibilità, sicurezza ed integrazione modale, incentivando gli spostamenti sul territorio con mezzi pubblici e di mobilità attiva, anche in chiave di sostenibilità ambientale. «Rfi, con il nuovo Piano industriale, ha effettuato un vero e proprio riposizionamento delle stazioni- dice Venturoni-. Queste rappresentano il punto di contatto più importante con i territori perché la relazione che instaurano con il contesto urbano influisce positivamente sulla qualità dei servizi e sul funzionamento della stazione stessa. Grazie al protocollo firmato oggi, la stazione di Pesaro non sarà più un luogo di transito dove iniziare o terminare un viaggio, ma ricoprirà il duplice ruolo di nodo intermodale e di polo di servizi, integrata nell'ecosistema della città».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treni, a fine del 2022 al via i lavori di riqualificazione della stazione di Pesaro

AnconaToday è in caricamento