rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Attualità

Siccità, Viva Servizi rassicura: «Monitoriamo, è come se fossimo a metà luglio»

Il direttore generale della società Moreno Clementi definisce l'ipotesi di razionamento della fornitura «allarmistica»

ANCONA – «In riferimento all’emergenza idrica che sta investendo tutta l’Italia, nel territorio di 43 comuni ed in un bacino di utenza di 405 mila utenti ad oggi non segnaliamo particolari criticità». A dirlo è Moreno Clementi, Direttore Generale di Viva Servizi che gestisce il servizio idrico integrato nella provincia di Ancona e che tuttavia richiama tutti i cittadini a non sprecare la risorsa idrica e ad applicare semplici regole di buon senso per non disperderla.

«La situazione è ovviamente attenzionata dalla nostra azienda e il momento che stiamo vivendo è paragonabile a quella che avremmo osservato tra circa quindici giorni rispetto all'andamento medio della sorgente e quindi è come se fossimo già intorno alla metà di luglio» aggiunge.

moreno_clementi_22-2La conseguenza è che Viva Servizi potrebbe dover anticipare gli interventi nelle zone montane che riguardano la messa a disposizione di autobotti nelle aree interne del fabrianese, a Sassoferrato ed Esanatoglia nello specifico ma è una risposta e non certo una soluzione per quel territorio circoscritto nel quale le fonti e i pozzi essendo più in superficie, sono maggiormente soggette a riduzione della portata. «In questo territorio montano – rimarca il dg di Viva Servizi - abbiamo ottenuto significativi risultati in termini di ricerca delle perdite e l’assenza di criticità pur in questa estata calda e siccitosa ma comunque non paragonabile a quelle del 2002 e 2003, è da ascriversi probabilmente a questa azione virtuosa anche se ci riserviamo valutazioni più circostanziate alla fine dell’estate».

Ad oggi l’ipotesi allarmistica di razionamento della fornitura come è già in corso in alcuni territori, nella provincia di Ancona «è assolutamente prematura per non dire azzardata e non vi sono indicatori che possano indurre a considerare che si stia andando in quella direzione».

«Per far fronte a queste problematiche – conclude Clementi - stiamo studiando con il Consorzio Gorgovivo delle soluzioni di approvvigionamento alternative mediante studi e progetti che saremo volentieri pronti a mettere a fattor comune in un tavolo tecnico con tutti gli attori coinvolti, dalle istituzioni agli enti regolatori e gestori, per ragionare in maniera seria e puntuale su come affrontare il problema e trovare soluzioni senza dover attendere che diventi una notizia di cronaca puntualmente ad ogni estate». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siccità, Viva Servizi rassicura: «Monitoriamo, è come se fossimo a metà luglio»

AnconaToday è in caricamento