Martedì, 21 Settembre 2021
Attualità

Test salivari, Saltamartini: «Favorevole per scuole, sport e stadi. Terza dose? Decide il Governo»

L’assessore alla Salute della Regione Marche Filippo Saltamartini ha parlato della possibile adozione dei tamponi rapidi salivari in alcuni ambiti soffermandosi anche sull’eventualità futura della terza dose di vaccino

A margine della conferenza stampa di presentazione della sfida di 125 miglia in Kayak (Italia-Croazia) di Alessandro Gattafoni, per sensibilizzare il pubblico sulla fibrosi cistica, l’assessore alla Salute della Regione Marche Filippo Saltamartini ha parlato circa la possibilità di adottare in futuro i tamponi rapidi salivari in alcuni ambiti ben precisi:

«Già nella cabina di regia di luglio avevamo dato alle aziende indirizzo favorevole ai test salivari (500.000 i campioni a disposizione) e la procedura è in via di conclusione. In questo modo riusciremo a circoscrivere i focolai all’interno delle scuole. Questo per salvaguardare quella continuità scolastica che troppo spesso è stata sacrificata negli ultimi anni. Avremo così la possibilità di monitorare i casi positivi senza gravare sugli altri. Anche le società sportive ci hanno chiesto la possibilità di usufruirne e da parte nostra non c’è nessuna controindicazione. L’unico aspetto che ci impone un po’ di attesa è legato al costo che è a carico del Commissario nazionale e dovrà essere discusso nella prossima conferenza Stato-Regioni (in programma nei primi giorni di settembre, ndr). I test costano molto poco, Marche-Nord se li è aggiudicati pagandoli tra gli uno e i due euro, un costo sostenibile rispetto alle conseguenze che può portare il virus. Aspettiamo di capire anche se affidare questi salivari alle famiglie e chi poi dovrà processare il tampone, intendendo le farmacie o altre strutture sanitarie».

Nell’ultimo weekend, complici le gare ufficiali di Serie B e Coppa Italia di Serie C, anche le Marche e i marchigiani del calcio professionistico sono tornati negli stadi dopo più di un anno a porte chiuse: «Lo sport è una grande valvola di benessere sociale. A questo proposito i test salivari possono essere utili anche per l’accesso a stadi e palazzetti così da tornare più velocemente alla normalità. Quando le disposizioni normative sono ripetute e ritenute magari ininfluenti da tante persone si tende al poco rispetto. Noi, dal canto nostro, dobbiamo individuare tutte quelle misure possibili che ci consentano di tenere sotto controllo l’andamento del virus e in questo senso il salivare può essere molto utile».

La chiusura di Saltamartini è stata dedicata al numero dei positivi fatto registrare ad agosto e, contestualmente, all’ipotesi di terza dose soprattutto per gli operatori sanitari: «Io sono un ottimista per natura ma nell’agosto 2021 abbiamo fatto registrare il triplo dei positivi di un anno fa. La differenza è nei vaccini con doppia dose che prevengono gli effetti. Tuttavia dobbiamo salvaguardare anche le altre persone ospedalizzate ricordandoci che in Italia si muore anche di altre patologie extra-Covid e non possiamo permetterci di mettere a repentaglio la situazione ospedaliera. Terza dose? Ci stiamo preparando ma è lo stato che decide. Per prima cosa bisogna puntare su chi non è ancora vaccinato e poi si può pensare alla terza dose. I vaccini ci sono ma le quantità disponibili vanno tenute sotto controllo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Test salivari, Saltamartini: «Favorevole per scuole, sport e stadi. Terza dose? Decide il Governo»

AnconaToday è in caricamento