rotate-mobile
Attualità

No al caro bollette, la protesta alternativa: «Blocchiamo le ricevute in banca»

La provocazione di Barbara Pergolini, titolare di “Mangio Ergo Sum e Mangio Ergo Sushi”. La luce da lei è raddoppiata

ANCONA - «Sono aumenti che le attività non possono permettersi, allora sai che c’è? Blocchiamo tutte le rib in banca per due mesi». È la provocazione di Barbara Pergolini, titolare del ristorante e bottega bio “Mangio Ergo Sum” di corso Amendola. Anche la sua attività deve far fronte, come molte di altri ristoratori e commercianti, all’impennata dei costi di luce e gas.

«Nel punto vendita “Mangio Ergo Sushi” - spiega Pergolini - ho già toccato con mano il primo raddoppio di bolletta luce, 1.100 euro contro i 650 dello stesso periodo dello scorso anno. E lì ho solo due frigoriferi è un congelatore perché il locale è di 20 metri quadrati. Non oso immaginare le prossime di bollette. Metterle in vetrina ho scelto di no, rispetto chi lo fa ma credo non serva. I clienti sanno che i costi sono aumentati, dobbiamo dare un segnale forte, bloccando i pagamenti per due mesi così davvero si accorgeranno tutti, governo compreso, che non si può andare avanti così. Servono interventi urgentissimi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No al caro bollette, la protesta alternativa: «Blocchiamo le ricevute in banca»

AnconaToday è in caricamento