rotate-mobile
Attualità

Caos parcheggi, buche e niente autobus: gli operatori alzano la voce per l'inizio stagione

La tardiva partenza del servizio pubblico sta penalizzando gli operatori e i turisti in un’estate che è di fatto già scattata

ANCONA- Portonovo: sole, caldo e moscioli. Se, da un certo punto di vista, si può tranquillamente dire che l’estate 2022 sia già scattata, dall’altro non mancano le prime problematiche emerse. Nei giorni scorsi si è fatto riferimento alla tanta polvere presente nei parcheggi, alle buche e alla manutenzione delle strade giudicata “approssimativa” in molte zone. In queste ore, invece, ascoltando direttamente gli operatori, emerge lo scoglio della mancata partenza dei trasporti pubblici.

Il fatto che, orientativamente fino alla fine delle scuole, non sia stato ancora previsto il pieno regime degli autobus (sia di linea, sia navetta) ha fatto emergere disagi per raggiungere la baia sia per quanto riguarda i turisti sia per gli stessi impiegati di bar e ristoranti, in particolare i giovani: «L’estate è partita benissimo come richieste e come voglia da parte della gente – ha spiegato Paolo Bonetti di SpiaggiaBonetti – I turisti chiedono la storia dei moscioli, si informano, c’è una rinnovata vitalità. Tuttavia mi viene da dire che ci siamo trovati ad affrontare il grosso problema dei mezzi pubblici nella tratta Ancona-Portonovo che deve essere assolutamente ovviato da Conerobus. La programmazione va riformulata, quasi tutti apriamo le nostre attività a marzo e aprile e molti ragazzi che lavorano presso le nostre strutture non hanno mezzi di trasporto per muoversi e recarsi al lavoro. Figuriamoci cosa può succedere con i turisti, ancor più scoraggiati dal non poter scendere».

Sulla stessa linea d’onda Maurizio Mantini di Pesci Fuor d’Acqua: «Il caldo e il sole hanno fatto scattare già alla grande l’estate. Nell’ultimo weekend abbiamo avuto un boom di prenotazioni. Cosa è saltato all’occhio? La grande difficoltà nei parcheggi vista e considerata la presenza di comunioni e cresime. Oltretutto ci sono grandi problemi di collegamento, il discorso del trasporto pubblico andrebbe affrontato con estrema priorità». Il punto esclamativo sulla vicenda lo ha messo Federica Rubini del Ristorante Emilia, un’istituzione della Baia: «Sicuramente il passaggio immediato dal freddo al caldo ha colto un po’ impreparati perché le richieste sono state veramente tante. In ogni caso è obbligatorio, da parte nostra e delle istituzioni, farsi trovare pronti. I trasporti pubblici sono un problema reale, non possono iniziare a pieno regime quando finisce la scuola perché l’estate come stiamo vedendo scatta da molto prima. Le problematiche, tuttavia, non hanno riguardato solo gli autobus ma anche i parcheggi, le buche da chiudere, alcune strade. Speriamo che si riallinei quanto prima».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos parcheggi, buche e niente autobus: gli operatori alzano la voce per l'inizio stagione

AnconaToday è in caricamento