rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità

Piazza del Papa, rinascita a suon di eventi: «Faremo la nostra parte, saranno anni bellissimi»

Paolo Marasca, assessore alla cultura, ha parlato della possibilità di far rinascere piazza del Papa con uno specifico calendario eventi che sappia valorizzare le potenzialità del cuore della Movida anconetana

Rilanciare piazza del Papa a suon di eventi? Missione possibile. La conferma agli auspici di cittadini ed esercenti arriva direttamente dall’assessore alla Cultura del Comune di Ancona Paolo Marasca che si è così espresso sull’argomento:

«Prima della pandemia avevamo avviamo una progressiva crescita della piazza da questo punto di vista. Con il jazz, con una programmazione idonea a una piazza elegante, abitata e vivace, e con alcuni eventi clou. A questa logica, ad esempio, obbediva lo spostamento della serata finale del festival La mia generazione. La piazza si presta a una programmazione curata e varia, e questo avevamo in cantiere di far crescere. Ora ricominciamo da capo, ma in una situazione diversa, da governare con tenacia e prudenza. Ma siamo del tutto favorevoli come prima. Credo e spero che proposte arrivino anche da chi abita la piazza, noi faremo la nostra parte».

Sulla possibilità di utilizzare gli spazi aperti: «Gli spazi aperti sono complessi da gestire per spettacoli, la normativa è difficile e non è sufficientemente organizzata. Ma la nostra città ha scenografie che non possiamo ignorare, bisogna tuttavia individuare alcuni spazi da attrezzare e non rincorrere l'impossibile».

Arriveranno due anni importanti, quelli della ripartenza a tutti gli effetti: «Questo e il prossimo sono anni bellissimi: la pinacoteca riapre a dicembre su via Pizzecolli, i servizi in centro della biblioteca saranno adeguati in spazi diversi in attesa della sede originaria, a fine gennaio avremo spazi nuovi. Gli eventi si inseriscono in questo discorso, ma ci sono due punti cruciali: il primo, è che l'evento non deve penalizzare l'operatore, e con la normativa attuale questo è un rischio. Se per mettere un palco devo far togliere i tavolini, va ragionato. Il secondo punto: serve iniziativa dei privati, associazioni, commercianti. Noi siamo pronti a sostenere proposte, che vengono da chi davvero conosce i bisogni e le possibilità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza del Papa, rinascita a suon di eventi: «Faremo la nostra parte, saranno anni bellissimi»

AnconaToday è in caricamento