rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Attualità

Ipotesi riduzione delle giornate di pesca, Carloni dice no: «Basta vessazioni»

Il vicepresidente regionale interviene a tutela di un settore cardine dell’economia

Il no all’ipotesi di riduzione delle giornate di pesca per il 2022 arriva dal vicepresidente e assessore Carloni che diceCarloniBio-2 «basta a vessazioni nei confronti dei pescatori». Aggiunge Carloni: «Il comparto ittico italiano e marchigiano non può essere ulteriormente oppresso da cervellotiche decisioni imposte da anonimi funzionari di Bruxelles, peraltro nemmeno supportate da riscontri scientifici circa il miglioramento degli stock ittici. Come Lega daremo battaglia a tutti i livelli a tutela di un settore cardine del nostro sistema economico, sia a livello locale che nazionale».

Ancora nella nota: «L’ipotesi estremamente penalizzante di un plafond massimo di giornate lavorative all’anno per ogni peschereccio è emersa al recente Tavolo di Consultazione della Pesca e dell’Acquacoltura del Mipaaf, bozza peraltro subito rigettata dal Carroccio». «Sono a fianco del nostro capo dipartimento Pesca, Lorenzo Viviani a cui do tutto il sostegno per l’ennesima sfida a tutela dei legittimi interessi del settore, come peraltro recentemente fatto con l’allargamento della Cassa Integrazione per i lavoratori agricoli -Cisoa- ai lavoratori del comparto ittico».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ipotesi riduzione delle giornate di pesca, Carloni dice no: «Basta vessazioni»

AnconaToday è in caricamento