Venerdì, 17 Settembre 2021
Attualità

No al nucleare, Mangialardi (Pd): «Sia rispettato il voto degli italiani»

Il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi ha presentato una mozione che sarà discussa dall'Assemblea Legislativa delle Marche. «Ciclicamente torna a riaprirsi il dibattito sull’impiego civile del nucleare»

Maurizio Mangialardi

«La Regione Marche dica un no netto a ogni forma di produzione e impiego dell’energia nucleare sul territorio nazionale, in sintonia con la volontà popolare chiaramente espressa nelle consultazioni referendarie dell’8 novembre 1987 e, soprattutto, del 12 e 13 giugno 2011. Anche perché, a distanza di dieci anni, quel voto appare oggi di più attuale che mai, considerato che oltre ai temi legati alla sicurezza e ai rischi derivanti sia dai processi di produzione che dallo stoccaggio delle scorie, numerosi studi indicano che per produrre energia, l’eolico, l’idrogeno, il fotovoltaico, il geotermico e l’idroelettrico rappresentano tecnologie più competitive del nucleare». A sostenerlo è il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi, che a tal proposito ha presentato una mozione che sarà discussa dall'Assemblea Legislativa delle Marche.

«Ciclicamente – spiega Mangialardi – nel nostro Paese torna a riaprirsi il dibattito sull’impiego civile del nucleare, nonostante ben due referendum abbiano reso evidente che gli italiani sono profondamente avversi all’utilizzo di questa tecnologia. Dispiace che a riaccendere la discussione sia stato un ministro come Roberto Cingolani, chiamato a gestire la fondamentale questione della transizione ecologica, su cui peraltro l’Unione Europea ha previsto lo stanziamento di ingenti risorse nell’ambito del piano Next Generation Eu. Dispiace e in un certo senso ci sorprende, visto che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza varato dal governo Draghi, coerentemente con il Green Deal europeo, prevede importanti investimenti per innalzare i target in materia di riduzione di emissioni, energie rinnovabili ed efficienza energetica».

«D’altra parte – continua il capogruppo dem - la ventennale ricerca sulle tecnologie di quarta generazione evocata dal ministro Cingolani, che renderebbe secondo alcuni più sicura e meno impattante la produzione di energia nucleare, non ha ancora avuto una concreta e significativa applicazione in campo industriale. Anzi, secondo molti esperti, sarà necessario attendere ancora 10-15 anni prima di ipotizzarne l’utilizzo. Per tale motivo chiediamo che l'Assemblea Legislativa delle Marche dia un segnale inequivocabile e sia da esempio per altre Regioni italiane, invitando il governo nazionale a non derogare dagli obiettivi contenuti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e a perseguire gli investimenti nelle fonti rinnovabili volte all’approvvigionamento di energia pulita e sostenibile per industria e trasporti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No al nucleare, Mangialardi (Pd): «Sia rispettato il voto degli italiani»

AnconaToday è in caricamento