Fabrizio, l’eremita anconetano delle “Noci sonanti”: la sua vita in un film

"Noci sonanti" racconta lo stile di vita estremamente spartano di Fabrizio Cardinali e del figlio Siddhartha. Il docufilm è stato presentato al Lazzabaretto Cinema

Fabrizio Cardinali e Siddhartha

A Cupramontana, in via Torre, c’è una fattoria che non è come tutte le altre. Ospita una  tribù che si chiama “Noci sonanti” dove da 20 anni si vive senza acqua corrente, elettricità, gas e si mangiano solo prodotti della terra (GUARDA IL VIDEO). L’ha creata Fabrizio Cardinali, falconarese di 62 anni e oggi questa realtà è diventata un film. “Noci sonanti” è stato presentato al Lazzabaretto Cinema davanti allo stesso Fabrizio, al figlio tredicenne Siddhartha e con i registi Damiano Giacomelli e Lorenzo Raponi. «Abbiamo conosciuto Fabrizio e Siddhartha durante la realizzazione di un progetto della Regione Marche che riguardava il rapporto tra la popolazione e l’agricoltura» racconta Giacomelli. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma se da una parte c’è il mondo della tecnologia cinematografica, dall’altra c’è una realtà dove non esiste neppure una lampadina, dove i bisogni si fanno in una buca nel terreno e l’acqua corrente, così come una semplice lampadina, è un lontano ricordo: «Abbiamo lavorato senza una troupe aggiunta, sviluppando un rapporto con loro importante- continua Giacomelli- le riprese sono durate due mesi e abbiamo vissuto di fatto con loro fino a perderci nella storia». Ne è nato un documentario di osservazione puro, senza elementi che avrebbero reso difficile lo scambio tra e con i personaggi. «Umanamente abbiamo dovuto rivedere le nostre abitudini e conciliare l’aspetto tecnico con il posto in cui eravamo- aggiunge Lorenzo- la nostra attività era comunque vincolata all’elemento tecnologico che sono le telecamere. Come punto d’appoggio abbiamo dovuto prendere un appartamento in centro a Cupramontana. Siamo entrati in questa realtà con un anno di preparazione, che ci è servito molto per conoscere Fabrizio e Siddhartha- aggiunge Raponi- li abbiamo incontrati molte volte senza riprendere, spiegando loro quello che volevamo fare e non. Da lì è nato un rapporto forte». Tra gli aspetti che vengono raccontati c’è quello della genitorialità. Ad oggi Fabrizio e Siddhartha vivono da soli: «L’ordinarietà di un rapporto tra padre e figlio anche in una realtà così straordinaria segue le stesse regole che ci sono in un mondo che noi consideriamo normale- conclude Giacomelli- La parte più difficile del lavoro è stata montare 330 ore di girato e organizzarci in base a una narrazione. Abbiamo dovuto sacrificare scene a cui eravamo affezionati. il messaggio? Preferiamo che ogni spettatore colga il proprio». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima il gelato al bar, poi la "società" per il gratta e vinci: due clienti vincono 10mila euro

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • «Vi faccio ammazzare dalla mafia», si presenta sotto casa di ex e figlia con la mazza

  • Bonus Inps, Rubini su Facebook: «Io l'ho preso, ora processatemi»

  • Terribile schianto in autostrada, donna si ribalta con l'auto: atterra l'eliambulanza

  • Cade in piazza e non riesce ad alzarsi, paura per una donna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento