La musica tra i capelli: Matteo, parrucchiere e artista aspettando "Amici"

Era un operaio, ha mollato tutto per diventare parrucchiere e coltivare il sogno di sfondare nella musica. Matteo ha cambiato vita una volta, è pronto a farlo di nuovo

Matteo Ilari

Per quattro anni ha lavorato come operaio in fabbrica, poi ha mollato tutto per diventare parrucchiere ma è pronto a chiudere anche quella porta se il provino per “Amici” fatto il mese scorso dovesse andare a buon fine. Matteo Ilari, 25 anni di Chiaravalle, è un artista a 360 gradi e quando si tratta di esprimere la propria personalità attraverso qualcosa di creativo lui c’è. Dall’acconciatura dei capelli alla musica, passando per le sfilate di moda. Dopo aver partecipato alle selezioni per Sanremo Giovani nel 2018, arrivando tra i primi 60 con il singolo “Lento”, Matteo è fresco di pubblicazione del suo primo cd. Si chiama “Ad un passo dalla fine”, è disponibile sui principali digital stores, contiene 5 inediti dedicate all’amore tra cui “Non sarà lo stesso” da cui è tratto un videoclip girato interamente ad Ancona. Il messaggio: «Mai mollare al primo ostacolo, perché quando tutto sembra finito è proprio in quel momento che tutto può ricominciare» spiega Matteo. A settembre Matteo spera di essere tra i finalisti del Cantagiro e nel frattempo aspetta la telefonata dal casting di “Amici”.

Gli hanno dato del “pazzo”, in modo bonario, quando ha lasciato il posto fisso in fabbrica per investire i risparmi nell’accademia per parrucchieri: «Quello del parrucchiere è un sogno che avevo da bambino insieme a quello della musica» spiega il 25enne chiaravallese, che però ha le idee più chiare di quanto possa sembrare: «Il titolare del salone mi ha già chiesto se voglio fare il parrucchiere o il cantante, gli ho risposto che se dovessero prendermi ad Amici o se dovesse comunque iniziare una carriera mollerei per accettare quella strada. Sì, sono pronto a rimettere sul tavolo tutto, ancora una volta». Si ispira a Marco Mengoni, al cantautorato e al pop italiano: «Mi piace l’arte in generale, la fantasia serve per la musica come per le acconciature, però mi sto facendo un mazzo grosso per portare avanti sia la musica che il lavoro». Frequenta come tanti giovani il centro di Ancona, anche se non assiduamente: «Servono più serate per attirare la gente, intendo eventi musicali ma anche sfilate di moda come un tempo se ne facevano a piazza del Papa».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Cade fuliggine dal cielo, residenti preoccupati: arriva l'Arpam per i controlli

Torna su
AnconaToday è in caricamento