Fede, Corrado e Nico nella hall of fame dei graffiti: il loro murales è tra i top 100 al mondo

Il murales che decora l'intera facciata di un negozio è stato riconosciuto come una delle migliori opere di street art del 2019

Da sinistra Nicola Canarecci, Federico Zenobi e Corrado Caimmi

Cerchi un negozio di abbigliamento lungo la litoranea et voilà, improvvisamente entri a comprar vestiti dentro un’opera d’arte. Sì, perché il negozio gestito da Alberto Tosti a Marotta ha la facciata decorata completamente in stile “Vaporwave” e quel mix di iconografia classica e anni ’80 ha portato tre artisti della Vallesina nella top 100 mondiale del 2019. Il murales infatti è stato inserito dal portale Street Art 360 tra i migliori cento lavori in assoluto dell'anno appena trascorso (GUARDA IL VIDEO).

Federico Zenobi, Corrado Caimmi e Nicola Canarecci lo hanno realizzato in una settimana lo scorso giugno. Il primo è jesino, gli altri due di Chiaravalle e tutti hanno nel curriculum diversi lavori che tuttora colorano muri e facciate della Vallesina e non solo. A Marotta hanno usato olio di gomito, fantasia e tante bombolette spray. Non si aspettavano però il successo comunicato ufficialmente a Federico lo scorso gennaio. «Il lavoro ci è stato commissionato da Alberto, che ringraziamo, ma non abbiamo pensato a un riconoscimento come quello» spiegano i ragazzi. Il volto di Poseidone guarda verso il mare ma anche verso il futuro. E’ attraversato da una nebulosa e laser: «E’ un modo per creare proprio la sinergia tra l’imponenza del volto e una parte sognante- spiega Federico- il tutto è collegato con la scritta “Future” realizzata a color neon». A dipingere quella scritta è stato Nicola: «Abbiamo scelto delle parole per sottolineare il contrasto tra arte classica e immagini anni ’80, in questo caso “Future” ma anche “Electric Dreams” con un effetto neon disegnato». Corrado, che è solito dipingere animali nei suoi lavori, ha dipinto una tigre a poligoni in pieno stile “Vaporwave”. «Ogni artista ha un suo punto di vista, noi preferiamo non inserire messaggi nei nostri lavori» ha detto Federico. «Al mondo ci sono tanti bravissimi artisti, ma sicuramente questo riconoscimento fa piacere» ha commentato Giacomo. 

 

L’amicizia dei tre ragazzi è nata proprio dalla passione per l’arte di strada e per il disegno. Corrado è quello che ha iniziato prima di tutti, a fine anni ’80, decorando gli “Hall of fame”, quelli che fino a poco prima sono anonimi sottopassi. «Io ho cominciato nel 2000 dopo aver visto proprio Corrado che disegnava in un sottopasso a Chiaravalle e sono rimasto stregato» ha spiegato Nicola. Federico ha iniziato nel 1999: «Per chi ama disegnare, i graffiti rappresentano un’espressione forte perché puoi realizzare opere molto grandi e in un modo fruibile a tutti». I tre hanno aperto un sito internet (www.technicalzstudio.com) dove è possibile ammirare i loro lavori.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno, disagi sulla tratta ferroviaria

  • Terribile frontale, nuovo bollettino: «Il bambino è ancora in condizioni critiche»

  • Malore a Folgarida, il virus potrebbe essere stato portato dagli studenti anconetani

  • Un male incurabile le ha spento il sorriso, la città piange Carla Fraboni

  • Perde il controllo, finisce fuori strada, si ribalta e resta in bilico sul muretto

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

Torna su
AnconaToday è in caricamento