Attualità

Comuni di Montecopiolo-Sassofeltrio, Acquaroli: «Sospendere iter parlamentare»

Il governatore, Francesco Acquaroli, ha inviato una lettera al presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, al presidente della commissione Affari costituzionali del Senato, Dario Parrini, e ai capigruppo

Le Marche chiedono "con forza" la sospensione dell'iter parlamentare di approvazione del disegno di legge sulla secessione dei Comuni di Montecopiolo e Sassofeltrio dalle Marche e la conseguente annessione in Emilia-Romagna. A pochi giorni dalla discussione e dalla votazione del Ddl 1144 sul distacco dei due Comuni della provincia di Pesaro Urbino (calendarizzati per il 18-19-20 maggio) il governatore, Francesco Acquaroli, ha inviato una lettera al presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, al presidente della commissione Affari costituzionali del Senato, Dario Parrini, e ai capigruppo.

«Il provvedimento è da riconsiderarsi nei suoi presupposti e nei suoi contenuti- scrive Acquaroli- L'amministrazione regionale ritiene desueto questo percorso, anche in forza del fatto che risalgono ormai a 14 anni fa le espressioni di volontà delle comunità interessate, dalle quali presero le mosse il referendum e il conseguente iter legislativo che andrebbe oggi a separare quello che è un unico comprensorio territoriale. Chiedo con forza che discussione e votazione del Ddl 1144 possano essere sospese e rinviate all'esito dei confronti territoriali in corso tra i Comuni interessati e la Regione». Acquaroli ritiene che sarebbe "una grave perdita" il distacco di Montecopiolo e Sassofeltrio dalle Marche. «Assumendo formalmente e fortemente l'impegno di completare i chiarimenti e i confronti con le due comunità nel più breve tempo possibile e di comunicarne l'esito tempestivamente a codesta presidenza- conclude Acquaroli- ritengo vi siano tutte le condizioni per accogliere la presente istanza».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comuni di Montecopiolo-Sassofeltrio, Acquaroli: «Sospendere iter parlamentare»

AnconaToday è in caricamento