rotate-mobile
Attualità Loreto

Il cuore e l’accoglienza loretana: ospitati settanta rifugiati ucraini, si lavora per l’estate

Un’assemblea indetta dal sindaco Pieroni ha tracciato un programma per potenziare l’accoglienza di chi fugge dal conflitto

LORETO- Quando il cuore e l’accoglienza possono fare la differenza. Il Comune di Loreto si è riunito nei giorni scorsi per tracciare un programma estivo rivolto soprattutto ai profughi e rifugiati in fuga dal conflitto in Ucraina. Sono già settanta, fra donne e bambini (anche neonati in qualche caso), gli ucraini che hanno trovato rifugio presso i propri connazionali a Loreto e tanti, probabilmente, ne arriveranno anche nei prossimi giorni.

A questo proposito il sindaco di Loreto Moreno Pieroni ha indetto un’assemblea con tutta l’amministrazione e le forze politiche cittadine per unire le forze e recitare un ruolo attivo nella partita dell’accoglienza. Intorno al tavolo presente anche una traduttrice ucraina per garantire un contatto più diretto con la popolazione in fuga. Nel piano d’interventi stilato, che dovrà essere condiviso ben presto con i profughi che saranno incontrati, si penserà perlopiù ai più piccoli con una serie di attività scolastiche già in cantiere.

Per l’estate, inoltre, si mira alla creazione di specifici centri estivi che fungeranno da svago (ma soprattutto da aiuto psicologico) per quei tanti soggetti fragili che sono fuggiti – o stanno fuggendo – dalle zone colpite dal conflitto. Da parte dell’amministrazione è stato confermato il massimo impegno sotto tutti i fronti di propria competenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cuore e l’accoglienza loretana: ospitati settanta rifugiati ucraini, si lavora per l’estate

AnconaToday è in caricamento