rotate-mobile
Attualità Quartiere Adriatico / Piazza Camillo Benso di Cavour

Un anno di vita, ma il percorso per ipovedenti è già a pezzi

Il percorso tattile dei marciapiedi inaugurato ad Ancona circa un anno fa (Sistema LOGES) sta letteralmente perdendo i pezzi

ANCONA - Il percorso tattile dei marciapiedi inaugurato ad Ancona circa un anno fa (Sistema LOGES) sta letteralmente perdendo i pezzi. Un sistema che dovrebbe avere la nobile funzione di aiutare le persone cieche e ipovedenti, ma che «è stato realizzato in assoluta “difformità” e con evidenti “vizi”» scrive in una nota Altra Idea di Città. Molte delle piastrelle di gomma incollate sugli attraversamenti stradali sono saltate e riposte ai lati della strada.

«Così concepito, oltre ad essere brutto esteticamente, non è nemmeno funzionale: uno sfregio alla città e uno spreco di soldi pubblici- commenta Valeria Campanella, consigliera Ctp 1 in seno al movimento- dove sono finiti il “piano di azione che incide nella realtà” e il “prodotto concreto di azioni concrete e possibili” sostenuti dalla Sindaca Valeria Mancinelli in occasione della presentazione del piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche? È questo il modo di realizzare uno degli obiettivi prioritari del Piano Strategico della città? A mio avviso, questo sembra più un lavoro rozzo e sbrigativo, fatto solo per adempiere agli obblighi di legge. Intanto, tra strisce pedonali scolorite, buche nell’asfalto e auto parcheggiate sopra i marciapiedi, la sicurezza pedonale è messa continuamente a repentaglio. Il risultato? molti incroci continuano ad essere pericolosi e non solo per gli ipovedenti. Mi auguro che il Comune abbia denunciato all’appaltatore le problematiche del sistema LOGES, prima che il certificato di collaudo assuma carattere definitivo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un anno di vita, ma il percorso per ipovedenti è già a pezzi

AnconaToday è in caricamento