menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legambiente per l’Area marina protetta del Conero e contro le fake news

Nelle Marche Unfakenews, la campagna di Legambiente e Nuova Ecologia per contrastare la disinformazione che rischia di allontanare la realizzazione di importanti obiettivi strategici per la comunità

ANCONA - L’Area Marina Protetta della Costa del Monte Conero non è un costo per i comuni ma una opportunità per catalizzare nuove risorse. Da questo parte Legambiente per lanciare nelle Marche la campagna Unfakenews, realizzata con La Nuova Ecologia, per contrastare le disinformazione che spesso è la principale nemica nella realizzazione di obiettivi importanti per l’intera comunità.

E proprio la questione economica inerente la gestione e le risorse future a disposizione dell’Area Marina Protetta del Conero è il primo punto che l’associazione vuole affrontare con chiarezza. Non è l’Europa che finanzia l’Amp ma lo Stato attraverso un finanziamento annuale reso disponibile dal bilancio del Ministero dell’Ambiente proprio per garantire il loro funzionamento e gestione, e lo fa perché il Parlamento ha ritenuto meritevole di tutela la Costa del Monte Conero proprio per tutelarla dall’inquinamento di cui il Sindaco di Numana parla o dai vongolari che non rispettano le norme di cui ci si lamenta.

«Se si volesse fare corretta informazione, verso cittadini e portatori di interesse, gli amministratori che si ritengono contrari a causa dei costi, avrebbero scoperto che, oltre ai fondi ordinari per la gestione, le Aree marine protette sono destinatarie di altre risorse e finanziamenti statali come, ad esempio, 4,5 milioni di euro per il finanziamento di interventi finalizzati alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici nei territori delle aree marine protette italiane – commenta Legambiente - Risorse previste da un bando del Ministero dell’Ambiente, “Aree marine protette per il clima”, nell’ambito del progetto “Parchi per il clima” che ha già stanziato per il 2020 100 milioni di euro per progetti improntati alla sostenibilità da realizzarsi nei parchi nazionali, che fanno seguito agli 85 milioni di euro stanziati nel 2019. Aggiungiamo anche che le Aree marine protette sono state riconosciute dal DL Semplificazione come Zone economiche ambientali, al pari dei Parchi nazionali che lo erano già, e perciò possono accedere al fondo ministeriale di 40 milioni di euro per finanziare le imprese locali ricadenti nel perimetro delle AMP e dei Parchi nazionali che in questo modo possono diventare veri laboratori per promuovere l’economia circolare, l’uso di energie rinnovabili e favorire la coesione sociale e la cura del territorio, salvaguardando il grande patrimonio di biodiversità che siamo chiamati a tutelare».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuole chiuse in tutta la città: il sindaco firma l'ordinanza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento