rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Attualità

Mole, lavori fermi: le prossime tappe tra quantificazione dei danni e il futuro del cantiere

Nelle prossime ore l'elenco di cosa è stato fatto e cosa no, poi la quantificazione dei danni e le procedure per la ripartenza dei lavori

ANCONA - Mole, cantiere infinito. Dopo il concordato chiesto dall'azienda, che da dicembre ha sospeso i lavori per il restyling dell'ala che guarda verso la città, parte la ricognizione delle opere efettuate e non. Domani i tecnici del Comune inizieranno la verifica di consistenza dei lavori eseguiti e la lista delle opere che invece mancano, in modo da poter determinare lo stato finale dell'opera e stabilire quanto (e quanto non) va corrisposto all'impresa. Per eventuali risarcimenti: «La richiesta di escussione della polizza è stata già inviata, ma non avendo ancora la quantificazione complessiva del danno e che avremo solo dopo questo verbale di consistenza, non sappiamo qual è la cifra precisa da escutere» ha spiegato l'assessore Paolo Manarini in consiglio comunale. 

Stop ai lavori

«Nonostante gli ordini di servizio e sollecitazioni, a dicembre la ditta ha chiesto il concordato in bianco accolta poi dal Tribunale di Treviso- ha ricostruito Manarini in consiglio comunale- nonstante questo, abbiamo fatto i solleciti per la messa in sicurezza per evitare che infiltrazioni o altro potessero danneggiare le opere già completate. Non è stato fatto, abbiamo quindi deliberato la risoluzione del contratto». 

Il futuro

«Procederemo con il vedere se le ditte che avevano partecipato all'appalto sono disponibili a riprenderlo- ha spiagato Manarini- nel caso in cui non lo fossero, partiremmo con appalti prestazionali che consentirebbero di mettere in salvaguardia tutto il patrimonio della Mole e infine si completeranno i lavori». 

La replica 

«La ditta è sparita da dicembre, oggi ci viene detto che solo domani inizieranno questi verbali- ha replicato in consiglio comunale Antonella Andreoli (Lega)- abbiamo aspettato altri mesi per un verbale di verifica sapendo che da dicembre il cantiere non era frequentato. Non si sà neppure quanti soldi sono giò stati versati e non credo che sarà semplice recuperare eventuali cifre in eccesso. Le altre città i lavori li portano a termine, nonostante pandemia e guerra». 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mole, lavori fermi: le prossime tappe tra quantificazione dei danni e il futuro del cantiere

AnconaToday è in caricamento