rotate-mobile
Attualità

Lavanderie, la recessione è impietosa: -37% di fatturato

Anche per le pulitintolavanderie è profondo rosso. La recessione scatenata dalla pandemia da Covid-19 ha avuto pesantissimi effetti anche sulle  603 imprese che nella nostra regione

«Anche per le pulitintolavanderie è profondo rosso. La recessione scatenata dalla pandemia da Covid-19 ha avuto pesantissimi effetti anche sulle  603 imprese che nella nostra regione operano nel settore, un comparto  a prevalenza artigiana per oltre il 62%. Con la crisi Covid-19, nel 2020, il fatturato delle micro e piccole imprese del settore ha registrato, secondo le analisi dell’Ufficio Studi di Confartigianato, una diminuzione del 37,1%. Per le aziende di pulitintolavanderie delle Marche si stima un  calo di fatturato di - 12 milioni di euro». I dati sono stati diffusi in una nota da Confartigianato Imprese Marche. «Per questo primo trimestre dell’anno si ipotizza un ulteriore calo.Il dimezzamento delle presenze turistiche associato a restrizioni sulla mobilità delle persone nell’anno della pandemia ha influito sull’attività di ristoranti e alberghi e sull’utilizzo – e la relativa manutenzione – di capi di abbigliamento. La chiusura degli impianti sciistici ha ridotto la manutenzione dell’abbigliamento tecnico, il diffuso utilizzo di smart working e la cancellazione di eventi e cerimonie ha ridotto l’utilizzo del vestiario di più elevata qualità, su cui viene richiesto un maggiore utilizzo dei servizi di pulitintolavanderia».

«In questo momento così difficile per tutti noi, per il nostro Paese , dichiara Katia Sdrubolini presidente delle Pulitintolavanderie di Confartigianato Marche, voglio ribadire il ruolo fondamentale del nostro comparto:  non  a  caso  nel  susseguirsi  dei  DPCM ,  la  nostra  attività  è  sempre rimasta tra quelle autorizzate ad operare. La  manutenzione  e  pulizia  dei  capi  di  abbigliamento  è  un  servizio decisamente essenziale, l’attività delle pulitintolavanderie assumere un ruolo professionale strategico nella sanificazione e nel contenimento del contagio. I livelli di pulizia garantiti dalle pulisecco artigiane tradizionali, come certifica una ricerca voluta da Confartigianato eseguita da autorevoli centri di analisi, Ritex e Fratini, tramite importanti test microbiologici. Oltre alla crisi da Covid -19, prosegue la Presidente Katia Sdrubolini-  il settore soffre la presenza di attività che lavorano, troppo spesso, nei coni d’ombra della legalità e della libera concorrenza del mercato. Se le lavanderie tradizionali sono chiamate a rispettare una lunga serie di vincoli e di requisiti professionali e ambientali, oltre agli oneri burocratici e alle autorizzazioni per l’attività imprenditoriale svolta, le lavanderie self-service, invece, dovrebbero limitarsi all’attività commerciale di noleggio di lavatrici e attrezzature professionali.  Il lavoro, poi, spetterebbe al cliente, che non potrebbe avvalersi dell’aiuto dello staff. Il condizionale è d’obbligo, però, perché troppo spesso questo non avviene. Per questo motivo, Confartigianato Pulitintolavanderie  sta chiedendo da tempo maggiori controlli e una distinzione netta ed univoca di due attività, divise da un confine fin troppo facile da eludere. Ci auguriamo tutti che con l'arrivo dei vaccini, col diminuire dei contagi, conclude Katia Sdrubolini Presidente delle Lavanderie di Confartigianato Marche, tutte le attività riprendano a lavorare per la salute  delle nostre imprese e per l’economia del nostro territorio». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavanderie, la recessione è impietosa: -37% di fatturato

AnconaToday è in caricamento