rotate-mobile
Attualità Jesi

Nuovo progetto per l'area stazione: «Riqualificazione degli spazi pubblici per una città interconnessa»

Riccardo Memè, presidente di Jesi in Comune, spiega il progetto recentemente modificato dall'amministrazione comunale

JESI- Riqualificare gli spazi pubblici per rendere Jesi una città interconnessa. È quanto prevede il progetto per l’area stazione revisionato dall’amministrazione Fiordelmondo. «Per l’attuale amministrazione comunale è stato prioritario, fin dal suo insediamento, il costruire una propositiva interlocuzione con RFI al fine di condividere la revisione del progetto originario della riqualificazione della stazione- afferma Riccardo Memè, presidente Jesi in Comune-. Il progetto ereditato dalla precedente amministrazione, infatti, avrebbe portato alla realizzazione di opere da parte del Comune esclusivamente nell’ottica di RFI, trascurando l'interazione con la città e con quel quartiere in particolare. La vecchia pianificazione difatti prevedeva la costruzione di una rotatoria alla fine di viale Trieste e un parcheggio per gli autobus, sacrificando tutto il sistema del verde, comprese alberature e giardino. Il nostro obiettivo è invece quello di riqualificare gli spazi pubblici e metterli a sistema. Ora, grazie al progetto così come modificato, si prevede, da un lato, una diversa collocazione del terminal degli autobus, integrato con il parcheggio di fronte alla stazione, salvaguardando così interamente sia l’area verde dei giardini che le alberature, dall’altro si prevedono soluzioni per favorire la mobilità sostenibile lungo Viale Trieste, avvicinando la città all’area della stazione stessa e valorizzando al contempo l’ampio parcheggio retrostante. Perché, come ha ben detto l'assessora Melappioni in Consiglio comunale, il quartiere ha necessità di sentirsi come uno spazio dello stare e non solo un luogo di snodo e di attraversamento. Ed è in questa direzione che stiamo lavorando».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo progetto per l'area stazione: «Riqualificazione degli spazi pubblici per una città interconnessa»

AnconaToday è in caricamento