Organici INPS nelle Marche, la denuncia dei sindacati: ridotti del 24% in 9 anni

La Fp Cgil Marche denuncia la riduzione di personale INPS negli uffici delle sedi marchigiane

Foto di repertorio

La Fp Cgil Marche denuncia la riduzione di personale INPS, pari al 24% negli ultimi 9 anni. «In pochi anni, INPS Marche ha perso un quarto della forza lavoro: da 879 a 675 unità, con una previsione per il 2021 di ulteriori riduzione a 663, ciò significa che nel periodo dal 2013 al 2021 si sarebbero perse circa 216 unita (-24%). E’ evidente lo stato di emergenza per le sedi marchigiane- scrive la Cgil Marche nella nota- in queste ore, la Ragioneria Generale dello Stato avrebbe licenziato il Piano Triennale dei Fabbisogni del Personale 2020/2022 INPS che comprende la programmazione delle assunzion e messo a punto un bando di concorso pubblico per oltre 1850 posti di consulenti della protezione sociale. Di questo pacchetto un congruo numero dev'essere destinato alle Marche, superando il vulnus creato in occasione delle ultime immissioni di personale».

«La crisi sempre più drammatica attraversa il Paese senza eccezioni e impone a tutti grande senso di responsabilità e massima attenzione nei confronti della tutela della salute pubblica, mai come in questo momento bene comune prezioso- cpntinua la nota- il ruolo della Pubblica Amministrazione, come sembra finalmente più chiaro di fronte all'opinione generale, diviene fondamentale ed è condizione necessaria che ogni singola struttura sia messa nella condizione di poter rispondere adeguatamente e per operare in modo efficace. In questo panorama problematico a dir poco non vanno certo dimenticate funzioni decisive in capo alle istituzioni pubbliche chiamate ad assicurare servizi indispensabili in questo difficile contesto, che reclama l'erogazione di prestazioni sociali cui cittadini hanno stretta ed assoluta necessità: l'INPS, è sicuramente tra queste. Nonostante lo stato dell'infrastruttura tecnologica e le carenze dotazionali, INPS è riuscita con uno sforzo collettivo da parte del personale a stabilire efficaci relazioni con la cittadinanza, implementando canali informatici e telefonici, in modo da non rendere necessario per i cittadini recarsi in presenza nelle sedi; l’ultimo Dl, tra l’altro individua ammortizzatori emergenziali, prestazioni che in questo contesto ancor più critico devono essere erogate con rigorosa  puntualità. Occorre però una visione di prospettiva per quanto riguarda la situazione degli organici regionali dell’INPS».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

Torna su
AnconaToday è in caricamento