Sanità, Gruppo Solidarietà scrive una lettera alla Regione

La lettera del Gruppo Solidarietà al Presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, in merito ad alcuni recenti provvedimenti adottati

Foto di repertorio

La lettera del Gruppo Solidarietà al Presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, in merito ad alcuni recenti provvedimenti riguardo l’aumento di posti in Rsa e non solo.


«Gentile presidente, la lettura delle delibere in oggetto suscitano alcune riflessioni che proponiamo in forma schematica e sintetica. Confidiamo che non siano da ostacolo alla comprensione.
1) Aumento posti in RSA anziani e demenze (Dgr 1269 del 5 agosto 2020 ) . La previsione di un aumento dell’offerta del 12% di tali posti potrebbe essere una buona notizia al fine di migliorare l’assistenza ai malati; ma .. a patto che si abbia chiarezza sulla funzione di queste
strutture. E invece, anche all’indomani dell’approvazione dei nuovi requisiti di autorizzazione (Dgr 937 e 938) la confusione permane. Compete alle RSA (nelle norme, sarebbe inoltre opportuno che oltre ai codici venga inserito anche il nome della tipologia di struttura così che la comprensione sia immediata anche per non esperti) la funzione di decongestionamento degli ospedali per acuti? La precoce presa in carico del paziente in dimissione ospedaliera è compito di questa tipologia di struttura (che, dgr 938, dovrebbe ospitare malati “senza particolare criticità e sintomi complessi”)? E invece a cosa serve il sistema della post acuzie ospedaliera ed il livello intensivo extraospedaliero delle cure intermedie? Con quali standard assistenziali le RSA dovrebbero rispondere a questa funzione? E invece, i malati non autosufficienti che necessitano di interventi sanitari rilevanti presso quali strutture dovrebbero essere inviati (Lei ricorda che il livello di minore intensità assistenziale, RP, prevede assistenza infermieristica di 20m/giorno/paziente)? In una RSAnziani l’assistenza medica è assicurata dal MMG (Come: Ore al giorno? Giorni settimana? Ogni ricoverato con suo MMG?), l’assistenza infermieristica è di 45m/paz/giorno; quella sociosanitaria di 85. L’infermiere, deve essere presente sulle 24h (di notte uno fino a 60 ricoverati). Presidente, è davvero sicuro, che l’aumento dei posti sia funzionale agli obiettivi della Dgr 1269? Che questatipologia di struttura sia adeguata per decongestionare la fase acuta ospedaliera? E ancora: con quali criteri si discrimina un accesso in post acuzie, cure intermedie, RSA… . Quanto, poi, alle problematiche connesse con il distanziamento, ricordiamo che la nuova norma approvata nei giorni scorsi permette di avere fino a un 40% di camere a 3 e 4 letti. Ci chiediamo a quale logica programmatoria risponda un provvedimento come questo. Se si decide di aumentare i letti – non tutti sono uguali - occorre scegliere quelli giusti. E la scelta dovrebbe essere affidata a chi dimostra di intendersene. Ne avevamo scritto nei primi mesi del 2019 all’indomani della proposta della giunta sui requisiti di autorizzazione, Requisiti servizi anziani. Tutti i nodi irrisolti della programmazione regionale.

2) Accordo temporaneo con ARIS per servizi domiciliari, diurni, ambulatoriali (Dgr 1264 del 5 agosto 2020 ARIS). Non entriamo nel merito della rilevazione ARIS (anche se qualche domanda viene da porsela a partire dal monitoraggio e controllo da parte di ASUR), accolta integralmente dalla giunta, di costi aggiuntivi di 3,5 milioni euro. Costi ritenuti, sempre da ARIS, insostenibili e tali da determinare “interventi di riduzione se non di chiusura dell’attività”. Ci chiediamo, però, se l’aumento, a compensazione, del 20% (periodo giugno-dicembre 2020) di
delle tariffe degli interventi ambulatoriali, domiciliari, diurni (che non sembrano di bassa
Gruppo Solidarietà Via Fornace 23, 60030 Moie di Maiolati S. (AN). Tel. 0731 703327, grusol@grusol.it, www.grusol.it remuneratività) siano stati previsti anche per gli analoghi servizi erogati dai Centri di riabilitazione non aderenti all’ARIS. Solo quelli rivolti ad anziani e disabili sono oltre 1500 posti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da ultimo, ma non meno importante, la questione del potenziamento dell’assistenza territoriale con i fondi della legge 77/2020 (“Decreto Rilancio”) che per le Marche con riferimento all’assistenza territoriale (art. 1) è pari a 33,4 milioni di euro. Una opportunità, come indica la Dgr
1266 del 5 agosto, di grandissima portata. Una sfida enorme per i servizi territoriali che, nella nostra Regione negli ultimi anni (non solo in questi cinque) hanno vissuto un inesorabile progressivo (non lento) abbandono. Il depauperamento di personale di questi anni non è la causa,
ma l’effetto del disinteresse nei confronti del complesso dell’assistenza territoriale declinata sempre più in termini prestazionali. Valutazione, accompagnamento, appropriatezza dei percorsi, presa in carico, sono, tranne rarissime eccezioni, parole vuote. Come l’enorme quantità di fondi immessi per il personale possa determinare (si pensi solo agli infermieri di comunità: ne possono essere assunti 16 ogni 100.000 abitanti, per un totale di 232 in tutta la Regione), un cambiamento di approccio e lo sviluppo di modelli organizzativi rispondenti alle esigenze delle persone appare, straordinariamente difficile, da immaginare. Ma tutto può avere un nuovo inizio. Ma, di certo un’operazione di questo tipo, non può farla chi in questi anni non ha contrastato l’inadeguatezza e ne ha favorito l’irrilevanza
».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento