Attualità

Moda, la “Coco Chanel marchigiana” si racconta: «Le Vip si fidano, cerco di essere me stessa»

Federica Bellesi, stilista di Treia che oggi vive ad Ancona, racconta la sua storia e annuncia la prossima apertura di un atelier proprio nel capoluogo. I suoi abiti sono stati indossati da tantissime showgirl

Un sogno che parte da bambina e che arriva fino ai giorni nostri. Portandola a calcare il red carpet del Festival del Cinema di Roma e Venezia, ma anche a vestire alcune tra le più importanti Vip del panorama nazionale. E’ la storia di Federica Bellesi, stilista marchigiana nata nel 1992 a San Severino Marche e cresciuta a Treia , che oggi vive ad Ancona – dove lavora e riceve - dopo il matrimonio con il marito Mattia. I suoi abiti hanno vestito Manuela Arcuri (insieme nella foto), con cui condivide un lungo rapporto d’amicizia (quest’estate la showgirl laziale è stata ospite nel capoluogo proprio a casa della Bellesi), Matilde Brandi, Sarah Maestri, Nicole Moscariello, Mayline Aguirre, Gracia de Torres, Alessia Fabiani, Virginia Diop, Federica Francia, Francesca De Andrè, Lidia Vella, Valentina Bonariva, Siria De Fazio e Milena Miconi. Abiti che sono stati presenti, come detto, ai Red Carpet ma anche in televisione al Live di Barbara d’Urso e a Tiki Taka, giusto per citare qualche programma.

«Più che un lavoro considero il mio un inno alla bellezza, allo stupore, alla meraviglia – ha confessato la stilista – Tutto nasce da quando avevo cinque anni, invece di giocare con le amichette stavo spesso a casa di una sarta che mi regalava i vari tessuti. Non disegno collezioni, preferisco che sia il tessuto a guidarmi e consigliarmi, lo studio approfonditamente e poi vado a ritagliare direttamente il capo che ho ideato. E’ per questo che i giornali di moda mi definiscono la Coco Chanel marchigiana, proprio perché la Gabrielle (Bonheur Chanel, morta a Parigi nel 1971 ndr) si lasciava ispirare allo stesso modo. In un secondo momento passo tutto alla modellista che ne ricava il cartaceo per poi rigenerarlo secondo la procedura standard».

 Federica Bellesi Manuela Arcuri-2

La sua formazione è particolare, fuori dall’ordinario. Una formazione caratterizzata dal talento, dall’intuizione e dalla voglia di crescere ogni giorno di più: «Non ho studiato moda, anzi in realtà ho iniziato a studiarla alla Poliarte di Ancona ma mi sono fermata quasi subito. L’intero consiglio docente è stato concorde nel definirmi un talento particolare che aveva già delle basi solide e per questo ho preferito investire i soldi in una Maison, invece che nel diploma, che ho aperto all’età di 20 anni. Ho rischiato ma è andata bene, dopo sei mesi mi sono trasferita a Milano e sono entrata in contatto con il mondo dell’alta moda». Scendendo nel dettaglio: «Ho conosciuto il mondo delle Vip, sono stata catapultata in qualcosa che avevo sempre visto alla tv. Il segreto è stato essere me stessa, mai fingere un qualcosa che non ero mantenendo la mia umiltà. Le “famose”, dal loro punto di vista, si sono fidate di me dandomi fiducia e ho vissuto sensazioni impagabili. Sono stata sul Red Carpet di Roma per la presentazione di un film dedicato a Laura Biagiotti a cui mi sono ispirata anche per un abito che simboleggiava una libellula. Mi sono vista passare davanti anni di gavetta e sacrifici. Il mondo delle Vip? Particolare. Alcune sono genuine, sensibili e umili. Altre no, basta capire quale tipologia si ha davanti».

In conclusione arriva una promessa, quella della prossima apertura di un suo atelier ad Ancona: «Vorrei inaugurare la mia nuova sede quanto prima, causa Covid siamo stati costretti a ritardare le cose. Il nostro stile è differente, le persone le accogliamo, le coccoliamo e vogliamo fargli vivere autentiche esperienze. Speriamo quanto prima di poter festeggiare, magari anche con qualche Vip con cui nel tempo si è creato un vero e proprio rapporto d’amicizia».

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moda, la “Coco Chanel marchigiana” si racconta: «Le Vip si fidano, cerco di essere me stessa»

AnconaToday è in caricamento