Fase 2, nelle Marche riparte il commercio: tutte le regole per la riapertura dei negozi

La Regione Marche ha approvato una serie di protocolli per regolamentare le riaperture. Qui ci sono le condizioni per accedere, comprare e lavorare nei negozi

Foto di repertorio

La giunta regionale ha approvato una serie di protocolli per regolamentare il settore del commercio. Le misure generali impongono la formazione e l’informazione per il dipendente e per il cliente. 

Per la clientela: è obbligatorio mettere a disposizione del materiale informativo facilmente comprensibile sulle misure d’igiene. Materiale che va posto sul banco di lavoro e in altre postazioni accessibili e visibili. In particolare, va avvisato il cliente di non presentarsi in caso di comparsa di sintomi febbrili e/o influenzali. Non dovrà presentarsi neppure se negli ultimi 14 giorni ha avuto contatti con soggetti positivi al Coronavirus o è rientrato da zone a rischio (indicazioni OMS). 

Per il dipendente: è obbligatorio mettere a disposizione informazioni sulle misure di sicurezza adottate, tenendo conto anche delle mansioni e dei contesti lavorativi. Nelli specifico, l’informazione e la formazione devono riguardare la distanza di sicurezza, il divieto di assembramento, le regole di igiene, i dispositivi di protezione, il divieto di rimanere sul luogo di lavoro ( con obbligo di dichiarazione tempestiva al titolare, o, dove presente, al responsabile della prevenzione) in caso di sintomi influenzali/aumento di temperatura e, in generale, stati di salute per i quali i provvedimenti delle autorità impongono di informare il medico di famiglia e l’autorità sanitaria e di rimanere al proprio domicilio.

Di seguito le norme che regolamentano l'accesso e l'attività nei negozi

L'approfondimento: tutte le regole settore per settore

Accesso e comportamento nel negozio 

  • Distanziamento interpersonale almeno di un metro in tutte le attività e le loro fasi 
  • regolamentati e scaglionati attraverso ampliamenti delle fasce orarie che possono essere prolungati fino alle ore 21; 
  •  per locali fino a quaranta metri quadrati può accedere una persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori; 
  •  per locali di dimensioni superiori a quaranta metri quadrati l'accesso è regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita; 
  •   Utilizzo di mascherine sia da parte degli addetti alla vendita sia da parte dei clienti;
  •   Disponibilità e accessibilità di dispenser in particolare all’ingresso, vicino ai camerini, alle casse, ai sistemi di pagamento, tastiere e schermi touch;
  • Per quanto riguarda la prova dei vestiti, calzature e accessori, il cliente e addetto alle vendite procedono sempre a lavarsi le mani con sostanza idroalcolica disinfettante; mantengono la distanza interpersonale anche con altri clienti; utilizzano mascherine; viene contingentato l’accesso alle cabine di prova.

Accesso dei fornitori esterni

Per l’accesso di fornitori esterni vengono individuate procedure di ingresso, transito e uscita, mediante modalità, percorsi e tempistiche predefinite, al fine di ridurre le occasioni di contatto con il personale impiegato in reparti e uffici.

  • Favorire sistemi di pagamento elettronici e dotare l’addetto di disinfettante per le mani e prodotti per la pulizia dei POS dopo ogni utilizzo;
  • Controllare il rispetto del numero massimo ammesso nel rispetto delle misure di distanziamento;
  •  Prevedere solo se compatibile con il locale e la sua localizzazione, di installare e o individuare servizi igienici dedicati; è vietato l’utilizzo di quelli del personale dipendente. In ogni caso è da garantire una pulizia costante in base a quanto previsto dal protocollo.
  • Va ridotto, per quanto possibile, l’accesso ai visitatori
  • Gli ordinativi dei prodotti ai fornitori sono effettuati per telefono, e-mail o altri dispositivi, privilegiando la trasmissione telematica di documenti;
  •  Regolare gli accessi nel locale dei fornitori/corrieri possibilmente in orari di non apertura al pubblico;
  • Nelle attività di consegna, carico e scarico, il trasportatore, corriere o fornitore lascia preferibilmente la merce all’esterno in prossimità dell’ingresso. Eventuale scambio di materiali/documenti dovrà avvenire nel rispetto della distanza di sicurezza (almeno un metro), indossando dispositivi di protezione (mascherine e guanti).

Pulizia e sanificazione 

  • pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali;
  • pulizia e sanificazione a fine turno delle superfici di contatto comuni, delle attrezzature/strumentazioni di lavoro;
  • servizi igienici con materiali usa e getta e un numero adeguato di cesti per i rifiuti;
  • sanificazione straordinaria degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni alla riapertura; 
  • impianti di ventilazione meccanica controllata attivi nelle 24 ore per tutti i giorni della settimana. Le prese e le griglie di ventilazione vanno pulite con panni puliti in microfibra, inumiditi con acqua e sapone o con alcool etilico maggiore al 70%;
  •  no alla funzione di ricircolo dell’aria condizionata.

Le regole degli stabilimenti balneari 

Le regole delle spiaggie libere

Le regole per bar e ristoranti

Le regole per gli alberghi

Le regole di campeggi e villaggi

Le regole dei negozi di abbigliamento e generi vari

Le regole di mercati e fiere

Le regole per centri commerciali e outlet 

Sgombero cantine e solai

Tatuatori

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento