Fase 2, nelle Marche riparte il commercio: tutte le regole per la riapertura dei negozi

La Regione Marche ha approvato una serie di protocolli per regolamentare le riaperture. Qui ci sono le condizioni per accedere, comprare e lavorare nei negozi

Foto di repertorio

La giunta regionale ha approvato una serie di protocolli per regolamentare il settore del commercio. Le misure generali impongono la formazione e l’informazione per il dipendente e per il cliente. 

Per la clientela: è obbligatorio mettere a disposizione del materiale informativo facilmente comprensibile sulle misure d’igiene. Materiale che va posto sul banco di lavoro e in altre postazioni accessibili e visibili. In particolare, va avvisato il cliente di non presentarsi in caso di comparsa di sintomi febbrili e/o influenzali. Non dovrà presentarsi neppure se negli ultimi 14 giorni ha avuto contatti con soggetti positivi al Coronavirus o è rientrato da zone a rischio (indicazioni OMS). 

Per il dipendente: è obbligatorio mettere a disposizione informazioni sulle misure di sicurezza adottate, tenendo conto anche delle mansioni e dei contesti lavorativi. Nelli specifico, l’informazione e la formazione devono riguardare la distanza di sicurezza, il divieto di assembramento, le regole di igiene, i dispositivi di protezione, il divieto di rimanere sul luogo di lavoro ( con obbligo di dichiarazione tempestiva al titolare, o, dove presente, al responsabile della prevenzione) in caso di sintomi influenzali/aumento di temperatura e, in generale, stati di salute per i quali i provvedimenti delle autorità impongono di informare il medico di famiglia e l’autorità sanitaria e di rimanere al proprio domicilio.

Di seguito le norme che regolamentano l'accesso e l'attività nei negozi

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'approfondimento: tutte le regole settore per settore

Accesso e comportamento nel negozio 

  • Distanziamento interpersonale almeno di un metro in tutte le attività e le loro fasi 
  • regolamentati e scaglionati attraverso ampliamenti delle fasce orarie che possono essere prolungati fino alle ore 21; 
  •  per locali fino a quaranta metri quadrati può accedere una persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori; 
  •  per locali di dimensioni superiori a quaranta metri quadrati l'accesso è regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita; 
  •   Utilizzo di mascherine sia da parte degli addetti alla vendita sia da parte dei clienti;
  •   Disponibilità e accessibilità di dispenser in particolare all’ingresso, vicino ai camerini, alle casse, ai sistemi di pagamento, tastiere e schermi touch;
  • Per quanto riguarda la prova dei vestiti, calzature e accessori, il cliente e addetto alle vendite procedono sempre a lavarsi le mani con sostanza idroalcolica disinfettante; mantengono la distanza interpersonale anche con altri clienti; utilizzano mascherine; viene contingentato l’accesso alle cabine di prova.

Accesso dei fornitori esterni

Per l’accesso di fornitori esterni vengono individuate procedure di ingresso, transito e uscita, mediante modalità, percorsi e tempistiche predefinite, al fine di ridurre le occasioni di contatto con il personale impiegato in reparti e uffici.

  • Favorire sistemi di pagamento elettronici e dotare l’addetto di disinfettante per le mani e prodotti per la pulizia dei POS dopo ogni utilizzo;
  • Controllare il rispetto del numero massimo ammesso nel rispetto delle misure di distanziamento;
  •  Prevedere solo se compatibile con il locale e la sua localizzazione, di installare e o individuare servizi igienici dedicati; è vietato l’utilizzo di quelli del personale dipendente. In ogni caso è da garantire una pulizia costante in base a quanto previsto dal protocollo.
  • Va ridotto, per quanto possibile, l’accesso ai visitatori
  • Gli ordinativi dei prodotti ai fornitori sono effettuati per telefono, e-mail o altri dispositivi, privilegiando la trasmissione telematica di documenti;
  •  Regolare gli accessi nel locale dei fornitori/corrieri possibilmente in orari di non apertura al pubblico;
  • Nelle attività di consegna, carico e scarico, il trasportatore, corriere o fornitore lascia preferibilmente la merce all’esterno in prossimità dell’ingresso. Eventuale scambio di materiali/documenti dovrà avvenire nel rispetto della distanza di sicurezza (almeno un metro), indossando dispositivi di protezione (mascherine e guanti).

Pulizia e sanificazione 

  • pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali;
  • pulizia e sanificazione a fine turno delle superfici di contatto comuni, delle attrezzature/strumentazioni di lavoro;
  • servizi igienici con materiali usa e getta e un numero adeguato di cesti per i rifiuti;
  • sanificazione straordinaria degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni alla riapertura; 
  • impianti di ventilazione meccanica controllata attivi nelle 24 ore per tutti i giorni della settimana. Le prese e le griglie di ventilazione vanno pulite con panni puliti in microfibra, inumiditi con acqua e sapone o con alcool etilico maggiore al 70%;
  •  no alla funzione di ricircolo dell’aria condizionata.

Le regole degli stabilimenti balneari 

Le regole delle spiaggie libere

Le regole per bar e ristoranti

Le regole per gli alberghi

Le regole di campeggi e villaggi

Le regole dei negozi di abbigliamento e generi vari

Le regole di mercati e fiere

Le regole per centri commerciali e outlet 

Sgombero cantine e solai

Tatuatori

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento