rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Attualità

Fallimento “da Baldì”, possibile svolta: «Depositata istanza per riaprire il bando, l'interesse c'è»

L’avvocato della famiglia Fiumicelli, titolare dell’immobile, David Favia ha fatto il punto raccontando gli ultimi sviluppi

ANCONA- Il fallimento del celebre ristorante “da Baldì” di via del Castellano, dopo quasi ottant’anni di attività, ha lasciato grande tristezza in città per ciò che ha rappresentato per tante generazioni anconetane. Dopo la prima asta andata deserta, tuttavia, potrebbe aprirsi un nuovo scenario per il futuro vista e considerata la volontà della famiglia Fiumicelli, titolare dell’immobile, di tutelare fino all’ultimo l’attività di ristorazione:

«Quando parliamo di asta deserta ci riferiamo naturalmente a quella del ristorante – ha spiegato l’avvocato David Favia che cura gli interessi dei Fiumicelli – Proprio questa mattina (5 maggio, ndr) ho depositato un’istanza nell’interesse di un ristoratore civitanovese per riaprire il bando e aspetto le decisioni del tribunale. Qualora dovesse essere accolta si parla di una formula per soli eventi da svilupparsi nei finesettimana fino alla fine dell’anno. Non è detto, tra l’altro, che se la aggiudichino a prescindere i miei clienti perché nelle scorse ore ho ricevuto anche una telefonata d’interesse di un anconetano che opera sempre nel settore della ristorazione».

Step burocratici a parte, emerge lampante l’interesse della famiglia: «Intanto cercheremo di capire cosa succederà con la procedura. Il 10 maggio discuteremo il reclamo contro la procedura di fallimento ma comunque vada ci sarà un concordato o preventivo o fallimentare basato sulla cessione dell’immobile a chi, nella parte superiore, possa realizzare appartamenti e nella parte inferiore (dove prima era la discoteca, ndr) possa mantenere il ristorante. La sopravvivenza dell’attività di ristorazione è una priorità della famiglia e in quella collocazione potrebbe risultare molto idonea anche ricavando qualche parcheggio. Una partita da giocare? Sicuramente, siamo alle prime mosse l’interessamento per l’immobile c’è e la rilevanza mediatica ha aiutato».  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fallimento “da Baldì”, possibile svolta: «Depositata istanza per riaprire il bando, l'interesse c'è»

AnconaToday è in caricamento