rotate-mobile
Attualità Falconara Marittima

Sport acquatici direttamente dalle Hawaii e tanto altro, prende forma il nuovo stabilimento "Dune"

Nelle scorse settimane i nuovi gestori hanno ripulito l’area e installato quattro file di grandi ombrelloni in paglia, che hanno già riqualificato un tratto di arenile un tempo trascurato. Tutte le novità

FALCONARA  - Comincia a prendere forma il nuovo stabilimento ‘Dune’, che nascerà dalla ristrutturazione dell’ex 84esimo Battaglione, sulla spiaggia di Palombina Vecchia.

Nelle scorse settimane i nuovi gestori hanno ripulito l’area e installato quattro file di grandi ombrelloni in paglia, che hanno già riqualificato un tratto di arenile un tempo trascurato. Nei prossimi giorni verrà allestito anche il centro sportivo, con un campo da beach volley e attrezzature per gli sport acquatici. Sarà attiva anche una scuola di kitesurf e di wing, una nuova pratica sportiva con sup e paracadute che arriva direttamente dalle Hawaii. Gli allestimenti rientrano nella prima fase di realizzazione del progetto di riqualificazione dello stabilimento, presentato dalla società CK Servizi di Ancona, che si è aggiudicata la sub-concessione ventennale oggetto del bando del Comune di Falconara.

«Quello dello stabilimento Dune è un esempio di una sinergia positiva tra pubblico e privato che offrirà ai cittadini nuovi servizi sportivi, un’area finalmente accessibile e fruibile e la possibilità di realizzare centri estivi per bambini e ragazzi, con attività multidisciplinari e servizi di qualità – dice l’assessore al Turismo Marco Giacanella – . Tutte queste opportunità di praticare sport consentiranno al nostro litorale di farsi apprezzare e di essere un polo di attrazione anche per il turismo sportivo». «Abbiamo tante attività in programma – spiega Marco Calbucci, gestore del nuovo stabilimento –. Oltre alle lezioni di kitesurf e wing offriremo a noleggio attrezzatura per altri sport acquatici e a breve organizzeremo anche lezioni di yoga in mare: posizioneremo una struttura a forma di stella nell’acqua, cui assicurare i sup, sopra i quali compiere gli esercizi. L’anno prossimo, a bambini e ragazzi dei centri estivi, offriremo anche lezioni di vela. Intanto siamo già operativi con ombrelloni e lettini, che possono essere prenotati telefonando ai numeri riportati sui nostri canali social».

Per l’anno prossimo saranno realizzati anche i manufatti che faranno parte dello stabilimento, caratterizzato da una forma di duna, come suggerisce il nome, per riprendere l’aspetto della duna marittima che si sviluppa alle sue spalle. I progettisti hanno ipotizzato un ristorante con cucina e bar, con un’ampia area all’aperto ombreggiata in parte da un gazebo tradizionale e in parte da una copertura a forma di duna o di onda, realizzata in legno, che permette di accedere a un livello superiore senza barriere architettoniche. E’ proprio la copertura che rappresenta l’elemento distintivo e qualificante del progetto. Un altro elemento caratterizzante è il parco fotovoltaico, fonte di ombreggiatura del campo da paddle, limitrofo al ristorante. A completare il progetto, cabine, spogliatoi e l’area destinata agli ombrelloni.

Quanto all’offerta balenare, questa nell’intenzione dei progettisti vuole integrare giovani e meno giovani attraverso attrazioni sportive e ricreative. «La struttura, pur se gestita da privati, resterà un bene a disposizione della comunità – dice l’assessore all’Ambiente Valentina Barchiesi –. Il progetto prevede infatti che lo stabilimento mantenga in parte scopi sociali e alcuni servizi dunque resteranno gratuiti, come l’utilizzo del campo da beach volley – beach tennis, o a tariffe concordate come i pasti per i centri estivi ».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sport acquatici direttamente dalle Hawaii e tanto altro, prende forma il nuovo stabilimento "Dune"

AnconaToday è in caricamento