Attualità

Enfea, un incontro per parlare delle opportunità del CCNL piccola e media industria per lavoratori e imprese

A confronto Confapi Industria Ancona e le sigle sindacali

 ANCONA – Enfea è l'Ente Bilaterale CGIL-CISL-UIL e CONFAPI a cui aderiscono le imprese che applicano i CCNL di piccola e media industria, promuovendo ed attuando le prestazioni previste dagli accordi interconfederali in materia di Apprendistato, Sviluppo Bilateralità, Sostegno al Reddito e Osservatorio della Contrattazione e del Lavoro. Le prestazioni riguardano le aziende, le lavoratrici e i lavoratori che nelle Marche. Per fare il punto sulle nuove opportunità per le imprese e i lavoratori che applicano questo contratto, è stato realizzato un incontro al quale hanno partecipato non solo Mauro Barchiesi, Presidente Confapi Industria Ancona e Renzo Perticaroli in rappresentanza di CGIL CISL UIL Regionali in qualità di organizzatori, ma anche altri illustri relatori alternatisi nei due momenti distinti dell’incontro, l’uno dedicato all’illustrazione del sistema della bilateralità con la partecipazione di Salvatore Carta, Presidente di Enfea Salute, Pierluigi Manca del Comitato Esecutivo di Enfea, e l’altro dedicato all’operatività con gli interventi di Stefano Bellucci Consulente Sindacale e del Lavoro di Confapi Industria Ancona e Delio Dalola, Presidente di Enfea. Enfea promuove e attua una serie di prestazioni in materia di sostegno al reddito, alla famiglia, alla formazione, allo studio, all’assunzione e al reintegro del personale a favore delle imprese, e delle rispettive lavoratrici e dei rispettivi lavoratori, che applicano i CCNL piccola e media industria.

Per Mauro Barchiesi «la bilateralità è un valore e il ruolo dell’Ente Bilaterale, in quanto organismo paritetico costituito da associazioni datoriali e da sindacati dei lavoratori, è da considerarsi fondamentale unendo le istanze e le esigenze di entrambe le parti al fine di migliorare le condizioni in cui i dipendenti e le imprese operano». «Confapi Industria Ancona – ha aggiunto - vi aderisce convintamente riconoscendo i vantaggi di un sistema che eroga servizi e contributi in maniera puntuale per quanto concerne l’integrazione salariale, i contributi per l’utilizzo dei servizi per l’infanzia e tutto il percorso scolastico dei figli dei lavoratori fino a quelli per l’utilizzo del trasporto pubblico per raggiungere l’azienda, di particolare utilità in un momento storico come questo». Nel corso dell’intervento lo stesso Renzo Perticaroli ha rimarcato che «CGIL, CISL e UIL ritengono di grande valore l’adesione alla bilateralità ENFEA che con le prestazioni di welfare e sanitarie aiutano i lavoratori a migliorare le proprie condizioni di vita. Il nostro impegno pertanto è quello di, rispettando i CCNL, far aderire le aziende ad ENFEA e sollecitare dipendenti e imprese ad usufruire sempre più degli interventi a loro favore». Secondo gli accordi interconfederali, le prestazioni previste dai sistemi di bilateralità rappresentano un diritto contrattuale di ogni singolo lavoratore, che pertanto matura, nei confronti delle imprese non aderenti al sistema bilaterale, il diritto alla erogazione delle prestazioni da parte dell’impresa datrice di lavoro. I principi che la sostengono sono quelli mutualistici, della sussidiarietà, della solidarietà. «Secondo il principio della sussidiarietà – ha spiegato Stefano Bellucci Consulente Sindacale e del Lavoro di Confapi Industria Ancona - i privati si organizzano per garantire un livello minimo di sicurezza sociale generando un ribaltamento di paradigma non lasciando l’esclusiva allo Stato. L'ente bilaterale è la risposta del mondo del lavoro al soddisfacimento dei bisogni comuni. Il valore precipuo della bilateralità è costituito dal fatto che le parti cooperano al soddisfacimento dei bisogni dei lavoratori e venendo in aiuto dei datori di lavoro».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enfea, un incontro per parlare delle opportunità del CCNL piccola e media industria per lavoratori e imprese
AnconaToday è in caricamento